pitti uomo

Paolo Roviera (Corneliani): «Portiamo a Firenze una nuova experience»

A un anno e mezzo di distanza dall'ingresso degli arabi di Investcorp, Corneliani torna a Pitti Uomo dopo dieci anni di assenza e presenta il nuovo corso. Il ceo Paolo Roviera a Fashion: «Esperienzialità, storytelling e corporate identity le nuove leve per il refresh. E investimenti importanti nel digitale, con il lancio dell'e-shop».

 

In un'intervista rilasciata al nostro giornale, in distribuzione da oggi (9 gennaio) al salone fiorentino, il manager parla dei risultati raggiunti nel primo anno del brand sotto l'egida di Investcorp, fondo internazionale del Bahrein: «In generale - spiega - abbiamo lavorato per alzare l'asticella del percepito della Corneliani, focalizzandoci sui marchi di proprietà, nella convinzione che un'eccellenza come questa debba in primis esprimersi con i propri marchi».

 

«Abbiamo resettato l'organizzazione - prosegue - con l'inserimento di nuovi profili manageriali, implementato il Crm, che praticamente non esisteva, lavorato molto sullo storytelling e la corporate identity, che ha portato a ridisegnare il logo e lo store concept. E nello stile abbiamo tolto un po' di polvere, pur restando fedeli ai valori e al grande heritage del brand. Chiuderemo il 2017 con un fatturato di circa 110 milioni di euro, in linea con l'anno precedente, ma con un ebitda in significativa crescita».

 

Tra gli asset più importanti c'è ora il digitale: «Il 3 gennaio abbiamo lanciato la nostra piattaforma di e-commerce - informa Roviera - che darà un assaggio di tutto il lavoro fatto in termini di esperienzialità. Siamo convinti che l'e-store non debba essere un catalogo elettronico, ma un veicolo di experience, capace di amplificare e non sostituire l'esperienza fisica».

 

Sul fronte retail, accanto all'e-shop, c'è spazio anche per nuove aperture nel segmento brick anda mortar: «Il prossimo maggio - anticipa Paolo Roviera - apriremo a Roma, in via del Babuino, e poi ci concentreremo su Londra, con la trasformazione del temporary store in Sloane street in un negozio permanente e l'opening di un monomarca in New Bond street».

 

stats