Posticipato il raggiungimento dei target

Geox: ricavi a nove mesi in diminuzione (-4,3%)

Nei primi nove mesi dell’anno il fatturato di Geox è diminuito del 4,3% a 643,4 milioni di euro (-4,9% a cambi costanti). Sulla performance impatta soprattutto la razionalizzazione distributiva effettuata nel canale indiretto, wholesale e franchising.

A livello geografico i ricavi realizzati in Italia hanno registrato un -7,4%. Nel resto d’Europa la flessione è stata del 4,9%, nel Nord America hanno subito una diminuzione pari a 8,7%, mentre nel resto del mondo il fatturato è sceso del 2,2%. 

Le calzature, che rappresentano il 90,2% dei ricavi consolidati, hanno totalizzato vendite pari a 580,5 milioni, con un decremento del 4,5% (-5,1% a cambi costanti) rispetto ai nove mesi 2018. L’abbigliamento (9,8% dei ricavi consolidati), si è attestato a 62,9 milioni, rispetto ai 64,5 milioni dei nove mesi 2018 (-2,5% a cambi correnti, -2,8% a cambi costanti).

Un dato positivo è la performance dell’abbigliamento nei negozi a gestione diretta: +15,1%.

Il management ipotizza una diminuzione annuale del fatturato «low to mid-single digit». «Questa previsione di leggera riduzione di ricavi – si legge in una nota - che è legata all’andamento generale delle dinamiche chiave del retail (traffico, propensione all’ acquisto, ecc.), resta comunque soggetta a possibili scostamenti legati a fattori esterni».

La riduzione dei ricavi nelle stime dell’azienda «impatterà sul livello di redditività percentuale rispetto all’esercizio precedente, con un ebit margin che ci si attende leggermente negativo». Previsto un ritardo dei risultati rispetto agli obiettivi prefissati.

 

a.s.
stats