Presentata la strategia all'investor day

Smcp attenua la discesa dei ricavi grazie a Cina e online

Terzo trimestre in miglioramento per le vendite di Smcp, la società francese che controlla marchi come Sandro, Maje e Claudie Pierlot. Dopo il -24% e il -47% dei primi due trimestri, tra luglio e settembre la flessione è del 10,6% a 248,4 milioni di euro.

Il periodo beneficia dell’accelerazione nella Cina Mainland e nell’e-commerce (+27,6%), specie nell’area Apac.

Come illustrato all’investor day, nel 2019 l’azienda quotata ha realizzato una crescita del 18% (a 1,1 miliardi di euro), ben oltre il mercato di riferimento del lusso accessibile, che nel medesimo è cresciuto del 4,5% (a 138 miliardi di euro).

Ora deve adeguarsi alle nuove regole di mercato condizionate dal Covid, come lo shift accelerato verso llo shopping online e una maggiore sensibilità del consumatore alle tematiche ambientali e sociali.

La strategia illustrata da Smcp si articolerà su più fronti, dal rafforzamento della brand identity delle label in portafoglio alla semplificazione della struttura delle collezioni, dalla realizzazione di una store experience che alimenti la desiderabilità dei marchi alla crescita nel mondo degli accessori. In primo piano anche i social media, per ingaggiare nuovi consumatori, facendo leva anche sulla gamification.

Con 1.644 punti vendita nel mondo, il gruppo controllato dai cinesi di Shandong Ruyi intende continuare a crescere sul fronte retail in ottica phygital: sono una ventina le nuove aperture internazionali nel critico 2020, sono preventivate 30 inaugurazioni nel 2021 e altre 30/50 arriveranno tra il 2022 e il 2025. A proposito di e-commerce, l’obiettivo è portare la quota sui ricavi totali dal 15% del 2019 al 25% nel 2025.

Nonostante queste indicazioni, alla Borsa di Parigi in tarda mattinata le azioni Smcp registrano un calo del 2,66%, mentre l’indice Cac40 perde circa mezzo punto percentuale. 

e.f.
stats