Prima acquisizione per Toma Italian Brands

I fratelli Toma si prendono la licenza uomo di Ungaro e creano un polo made in Puglia

Creare un polo di marchi italiani e internazionali con produzione  made in Puglia, per farne poi un punto di riferimento internazionale. È un orizzonte ambizioso, ma i fratelli Salvatore e Sergio Toma hanno già mosso il primo passo verso l’obiettivo: l’acquisizione della licenza della moda uomo firmata Ungaro.

 

L'accordo di produzione e distribuzione siglato tra la maison parigina e la famiglia di imprenditori pugliesi prevede una durata di cinque anni (più altri cinque) e debutterà a Pitti Uomo di Firenze (7-10 gennaio 2020), con la collezione autunno-inverno 2020/2021, disegnata da Philippe Paubert.

 

L'acquisizione della nuova licenza è il punto di partenza per creare un polo intorno ai marchi che fanno capo alla famiglia Toma, da quelli di proprietà (Havana & Co. e Angelo Toma) alle altre licenze (le linee uomo e donna del brand Alessandro Dell'Acqua).

 

«Con questa acquisizione - spiega Salvatore Toma - nasce il gruppo Toma Italian Brands. L'idea è quella di continuare a investire anche in altri marchi, complementari tra loro, farli crescere a livello nazionale e internazionale, puntando anche sulle nuove tecnologie e sul digitale».

 

Lo sviluppo del polo sarà graduale, ma l'obiettivo economico a breve termine è un «raddoppio del fatturato», assicura Toma.

an.bi.
stats