PRIMA COLLEZIONE LA SPRING-SUMMER 2021

A Lardini la licenza Tommy Hilfiger Tailored

Buona notizia post lockdown per Lardini. L'azienda di Filottrano (in provincia di Ancona) si è infatti aggiudicata la licenza di Tommy Hilfiger Tailored, con l'incarico di disegnare, produrre e distribuire completi, abiti spezzati, giacche e pantaloni della label nelle regioni Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) e Apac (Asia-Pacifico).

L'accordo per la linea (che affianca il marchio ammiraglio Tommy Hilfiger) partirà con la collezione della primavera-estate 2021 e si inserisce nell'ottica di «incrementare ulteriormente le vendite del marchio Tommy Hilfiger – spiega una nota  – e aumentare la portata globale della sua gamma di prodotti, alimentando così la prossima fase di crescita per questo segmento di mercato».

Fiducioso sugli sviluppi Martijn Hagman, appena insediatosi sulla poltrona di ceo di Tommy Hilfiger Global e Pvh Europe al posto di Daniel Grieder (passato nelle fila di Hugo Boss): «Azienda celebrata a livello globale per l'eccellenza nella sartoria e nell'artigianato, Lardini continuerà a sviluppare lo spirito innovativo e sofisticato che sta al centro delle nostre collezioni sartoriali. Sfruttare l'esperienza del mercato di Lardini ci consentirà di espandere ulteriormente le nostre categorie di prodotti tailor in Europa e Asia».

Per l'azienda marchigiana, fondata nel 1978 dai fratelli Luigi, Andrea, Lorena e Annarita e con un fatturato di 94 milioni di euro nel 2019 (+11% sull'anno precedente), si tratta una nuova, importante freccia all'arco: «Samo orgogliosi – commenta il ceo Andrea Lardini – di iniziare la collaborazione con Tommy Hilfiger, uno dei marchi americani più iconici. Siamo sicuri che questa partnership ci consentirà di ottenere grandi risultati, grazie alla sinergia tra l'heritage e il know-how di Lardini e la visione di Tommy Hilfiger, impegnata in una progressiva espansione nel segmento tailor».

Tommy Hilfiger, nell'orbita del gruppo Pvh (titolare anche di Calvin Klein) ha chiuso il fiscal year 2019 (lo scorso 2 febbraio) con oltre 9 miliardi di euro di ricavi.

a.t.
stats