Prima sfilata per United colors of Benetton

Castelbajac: «Così coloreremo i Millennials, anche quelli di 80 anni»

sfilata
sfilata

«Noi siamo uomini di colore. Per questo la palette sarà essenzialmente basata sui colori primari dell’arcobaleno: giallo, rosso, verde, blu e qualche tocco di nero» con queste parole Jean-Charles de Castelbajac racconta la nuova collezione di United Colors of Benetton, la prima sotto lo sua guida artistica e la prima a sfilare durante la Settimana della Moda di Milano.

 

Lo stilista francese ha raccontato, in un'intervista pubblicata sul numero di Fashion attualmente in distribuzione, con quale spirito ha affrontato questa nuova avventura che lo ha portato a lasciare Parigi per il Veneto. «Quando è iniziata questa avventura era previsto che passassi a Treviso una settimana al mese, alla fine sono qui tre settimane al mese e Parigi ci vado in vacanza. Mi piace essere diventato Trévisan».

 

I giorni passati a Ponzano Veneto sono serviti a Castelbajac per scoprire le tante somiglianze tra il suo lavoro e l'immagine di Benetton. «Il nostro dna si assomiglia moltissimo: una passione comune per la maglieria, l’amore per il colore, il pop e uno spirito sport-chic».

 

Sei mesi di lavoro, l'affinità elettiva con Luciano Benetton (insieme nella foto) e la collaborazione stretta con Oliviero Toscani hanno portato all'evento di oggi, che si preannuncia come qualcosa in più di una sfilata. «Sarà un Manifesto del marchio. Non stiamo lavorando solo sui prodotti, ma sulle emozioni. Per questo oltre agli abiti e i modelli, ci saranno le macchine e le maestranze dell’azienda al lavoro. In fondo se siamo qui oggi è per celebrare per celebrare il mondo Benetton, di cui fanno parte la moda, la passione per la maglieria, l’amore per il pop e l’arcobaleno».

 

In pedana sarà protagonista la collezione autunno-inverno 2019/2020 uomo e donna, ma il consumatore finale potrà già trovare alcuni dei capi sfilata (una ventina circa) nei flagship store di Milano e Parigi. «Il marchio ha sempre disegnato qualcosa di unico e riconoscibile e anche in questa stagione non ci siamo smentiti, riproponendo i grandi classici: maglieria, jeans, parka. L’offerta è davvero ampia e si va dalla T-shirt très Castelbajac a 10 euro, al montgomery multicolor a 250 euro».

 

Un guardaroba trasversale, multicolor e maxi-logo che sulla carta sembra perfetto per bucare sui social media. «Uno dei miei compiti, insieme a Oliviero Toscani, è mantenere costante la conversazione con il consumatore, immergendoci nel dna del brand che, in effetti, sembra fatto apposta per l’era digitale. Ma questo non vuol dire che da ora in poi ci rivolgeremo solo alle new generation: pensiamo che si possa essere Millennials anche a 80 anni, quindi il nostro obiettivo è creare un guardaroba moderno, adatto a tutti».

an.bi.
stats