progetti

Camomilla festeggia 20 anni di franchising: nel futuro estero e digitale

Tra gli espositori alla fiera Franchising & Retail Expo, in programma a Bologna dall'11 al 13 maggio, Camomilla italia festeggia 20 anni di franchising e dà il via a una nuova fase di sviluppo, dove le parole chiave saranno internazionalizzazione e omnicanalità.

 

Era il 1997 quando il brand di womenswear inaugurò il suo primo store in affiliazione: «Un negozio ancora attivo - racconta l'amministratore unico di Camomilla italia, Mario Pierro - che dimostra il successo di questo format, capace di creare una "società virtuale" con ogni affiliato, condividendone in toto gli obiettivi».

 

Il supporto al franchisee è a 360 gradi e step by step, dalla scelta della location all'inaugurazione, fino agli aspetti gestionali. Non sono previsti fee d'ingresso o royalties e ogni retailer beneficia della fornitura in conto vendita e del ritiro delle giacenze a fine stagione, oltre alla garanzia offerta da una collezione al passo con i trend e articolata su diverse linee, per interpretare al meglio le diverse esigenze d'uso e dialogare con le donne multitasking di oggi.

 

Un'expertise ventennale che ha permesso all'insegna di "colonizzare" il Bel Paese con 110 punti vendita - che si aggiungono al centinaio a gestione diretta - e che ora farà da base per l'espansione oltrefrontiera di Camomilla italia, attualmente distribuita per il 98% in Italia.

 

Next step è infatti lo sbarco all'estero: un'operazione che partirà con una presenza sui principali  marketplace online e che nel giro di tre anni porterà a stringere rapporti commerciali con Europa, Russia e Medio Oriente, primi Paesi interessati alla nuova sfida.

 

Senza sottrarre energie al mercato italiano: «Tra marzo e maggio Camomilla italia - spiega Pierro - ha aperto una decina di nuovi monomarca, sia a gestione diretta che in franchising. Ora gli obiettivi si concentrano sul consolidamento soprattutto del Nord-Italia e, parallelamente, sulla messa a punto di servizi cross-channel, tra cui la possibilità di ordinare la merce sul web e di ritirarla nel negozio fisico, in grado di creare un ponte fra online e offline».

 

stats