progetti

Svolta eco-friendly per Saldarini: al via gli imbottiti con fiocchi di cashmere

Saldarini, storica azienda comasca attiva dal 1882, abbraccia la filosofia eco-sostenibile con una nuova linea di capospalla imbottiti con fiocchi di cashmere. La prima collezione, per la primavera-estate 2017, in vetrina alla Rinascente di Milano.

 

Francesco Saldarini, esponente della quinta generazione della famiglia, e sua moglie Laurence Vanderhaegen, credono molto in questo progetto, che segna un cambio di rotta per l'azienda, nata a fine Ottocento come filanda di seta per volontà di Carlo Saldarini e diventata nel tempo una delle industrie più importanti del distretto serico comasco: «Grazie a questo prodotto, protetto da brevetto internazionale in Italia, Comunità Europea, Stati Uniti, Giappone e Corea - racconta Francesco Saldarini - siamo in grado di offrire un piumino-non piumino: un capo imbottito che ha lo stesso impatto visivo e la stessa morbidezza del piumino d'oca, con un elevato potere d'isolamento termico, ma assolutamente animal-friendly».

 

Senza contare, tiene a sottolineare l'imprenditore, i vantaggi easy-care: «Il cashmere è lavabile ed aumenta la sua morbidezza nel tempo e non fuoriesce dalle cuciture come accade nei piumini tradizionali».

 

Alla Rinascente di Milano, scelta come piattaforma di lancio, il nuovo progetto Saldarini prende forma con capispalla urban-chic declinati in una palette delicata, per giacche di diversa lunghezza, cappottini e cappe, anche reversibili, realizzati con nylon e grosgrain di seta, stampe su mussole di nylon a reti geometriche damier, tessuti jelly e camosci doppiati a jersey filo di scozia.

 

La prima collezione Saldarini 1882, che si aggiunge al marchio in-house Spread, sarà venduta nel flagship store di Cortina d'Ampezzo, inaugurato lo scorso agosto, mentre trattative sono in corso con il retailer Baicrew, in Giappone.

 

A livello retail, Saldarini è presente con propri monomarca anche in altre città italiane, tra cui a Venezia (il primo negozio, aperto nel 1996), Parma, Mantova e Roma, oltre che presso gli aeroporti di Roma, Venezia, Milano e Bologna.

 

stats