Nuove aperture in Cina, Giappone e Usa

Calzedonia chiude il 2019 a 2,4 miliardi di ricavi

Il Gruppo Calzedonia cresce del 4,7% nel 2019 e arriva a 2,4 miliardi di fatturato (+4,4% a cambi costanti).

Il gruppo fondato da Sandro Veronesi (nella foto), che controlla i marchi Calzedonia, Intimissimi, Tezenis, Atelier Emé, Falconeri e Signorvino, è arrivato a esportare il 56% del totale.

Nell’anno la società ha aggiunto 188 punti vendita al suo network distributivo, di cui 138 all’estero, soprattutto in Cina, Russia, Francia, Germania, Giappone e Stati Uniti. Al 31 dicembre i punti vendita ammontano a 4.859, di cui oltre 3mila fuori dai confini nazionali.

Fra distribuzione e produzione l’investimento annuale è stato di 200 milioni di euro.

Nel nuovo esercizio proseguono gli opening in Usa, Cina e Giappone, considerati mercati strategici.

Per quanto riguarda il mercato italiano, l’obiettivo è sviluppare ulteriormente Intimissimi Uomo, Atelier Emé (abiti da sposa) e Signorvino (wineshop). Per quest’ultima insegna sono in valutazione le prime aperture all’estero.

e.f.
stats