pitti uomo 95

Aldo Maria Camillo: «20 look per dimostrare che è tempo di tornare all'eleganza»

A Pitti Uomo oggi è stata la giornata di Aldo Maria Camillo. Lo stilista italiano, grazie al progetto Pitti Italics debutta con il suo marchio. Il progetto è stato svelato alla ex Stazione Leopolda di Firenze, dove il designer ha presentato 20 look  «con un’identità forte, che torna sui canoni dell’eleganza, riletti e rinnovati in chiave moderna».

In un'intervista rilasciata a Fashion Aldo Maria Camillo, che in passato ha lavorato tra gli altri per Berluti e Cerruti, racconta come è nato il progetto. «Da tempo - dice - stavo coltivando l'idea di creare un progetto mio, poi l'incontro con gli organizzatori di Pitti ha portato a un'accelerazione. Inizialmente avevo scartato l’idea di dare al marchio il mio stesso nome: ero più orientato verso una sigla come va di moda oggi, ma questo progetto incarna il mio ideale di moda e mi rappresenta talmente tanto, che alla fine non ho potuto fare a meno di chiamarlo come me».

Alla vigilia del debutto, lo stilista ha svelato: «La giacca sartoriale è protagonista della sfilata, ma questo non significa che vogliamo vestire solo l’uomo classico. Tutta la collezione si basa sull’idea che per la moda maschile sia il momento di tornare ai canoni dell’eleganza, riletti e rinnovati in chiave moderna».

Quanto al futuro, Camillo preferisce non fare troppi piani: «Vivo questa linea come un guardaroba che si evolve e si completa nel tempo, dove i capi hanno la qualità necessaria per durare il più a lungo possibile. Se ne avremo l’occasione, arriveranno anche gli accessori e, perché no, degli oggetti».

Il testo integrale dell'intervista è pubblicato su Fashion, datato 9 gennaio 2019 e con due temi forti: Pitti Uomo e Milano Moda Uomo.

an.bi.
stats