rilanci

Atos Lombardini riparte con D'Avant Garde Tricot

Il rilancio di Atos Lombardini, marchio di womenswear fondato nel 1986 dall'omonima famiglia, è sotto l'egida di D'Avant Garde Tricot, azienda carpigiana di proprietà della famiglia Tabaroni, attiva dal 1961 e proprietaria del brand Tabaroni Cashmere.

 

Superato il punto critico del fallimento dichiarato a fine 2016, Atos Lombardini è pronto dunque a rimettersi in gioco insieme alla famiglia Tabaroni, che oltre all'esperienza nell'abbigliamento uomo e donna, anche tramite una serie di partnership per la maglieria con le griffe internazional, può contare su un parco macchinari all'avanguardia.

 

«Dopo le vicissitudini passate, insieme a noi Atos Lombardini ha la possibilità di andarsi a ricollocare dove merita» spiega l'a.d. Christian Tabaroni. «D'altro canto - aggiunge il d.g. Massimiliano Mantovani - D'Avant Garde Tricot beneficia ora di un marchio riconosciuto dai consumatori, con la possibilità di migliorarlo innanzitutto nell'ambito del knitwear, ma anche a più ampio raggio nelle politiche aziendali».

 

«Del vecchio corso - continuano Tabaroni e Mantovani - è rimasto tutto il know how, quindi stilisti, sarte e modelliste, mentre abbiamo creato ex novo l'ufficio commerciale e la rete vendita». L'ufficio stile, con sede a Bologna, resta sotto la direzione creativa della famiglia Lombardini.

 

La focalizzazione è sulla label ammiraglia Atos Lombardini - «percepita dalle clienti come un nome di forte identità, italiano, artefice di collezioni dinamiche, ricercate e in linea con le tendenze» -, che manterrà target e fascia prezzi della sua precedente "vita", mentre la seconda linea Atos è stata eliminata dalla stagione invernale, anche se i due manager rivelano di avere nel cassetto un progetto per ora top secret.

 

Ma il progetto numero uno al momento è il riposizionamento di Atos Lombardini, «che deve diventare un "indispensabile di moda", grazie a capi in grado di rispondere alle necessità della donna 4.0».

 

La comunicazione  terrà alta l'attenzione sui canali social - dove sono già attivi i canali Facebook e Instagram - in aggiunta a quelli tradizionali.

 

E le cifre? «Attualmente - risponde Tabaroni - il fatturato della linea Atos Lombardini è di circa 10 milioni di euro, ma nel giro di quattro stagioni intendiamo riportarlo ai livelli di prima, ossia a 25-30 milioni».

 

Sul fronte distribuzione, il brand è presente in circa 200 multimarca italiani e in due monomarca (a Mosca e Dubai), con in vista il consolidamento sul mercato interno e un rafforzamento della presenza all'estero, dove Atos Lombardini è commercializzato in Belgio, Spagna, Russia, Medio ed Estremo Oriente. Per quanto riguarda le vendite online, il portale di e-commerce dovrebbe partire nel 2019.

 

stats