rilevato il 90% di sport fashion service

Ciesse Piumini entra nell'orbita di Mittel: «Spingeremo su digitale ed estero»

Il 90% di Sport Fashion Service, società dententrice di Ciesse Piumini, passa nelle mani di Mittel, che ha interamente finanziato con mezzi propri un investimento pari a 11,3 milioni di euro, oltre a 4,1 milioni alla data del closing.

In funzione dei risultati del brand nei prossimi esercizi, gli accordi sottoscritti prevedono un potenziale earn out a favore del venditore, stimato a oggi in massimi 3,9 milioni di euro.

La presidenza esecutiva viene affidata a Fabio Primerano, ingegnere che, come si legge in una nota, «vanta una significativa esperienza nella gestione e direzione di realtà internazionali e nello sviluppo del business, anche attraverso l'utilizzo dei canali digitali».

Proprio il digitale è uno degli asset del nuovo corso, insieme al rafforzamento della distribuzione fisica e all'espansione selettiva all'estero.

«Si tratta di un'operazione coerente con il nostro piano strategico e con il progetto di creazione di valore, incentrato su una strategia di investimenti diversificati in settori di eccellenza del made in Italy», commenta Mario Colacicco, presidente del Comitato Esecutivo di Mittel, investment-merchant bank che si focalizza su investimenti di maggioranza in piccole e medie imprese italiane con un'elevata generazione di cassa.

A oggi Mittel conta partecipazioni nell'arredobagno di alta gamma, nelle residenze sanitarie assistenziali e nell'automotive. In passato ha avuto una partecipazione in Moncler.

«Per le nostre società - sottolinea Colacicco - vogliamo svolgere un ruolo che vada al di là del mero supporto finanziario, in un'ottica di partnership di medio-lungo termine. Nel caso specifico di Ciesse Piumini, puntiamo a un forte aumento del giro d'affari, consolidando i margini reddituali».

Attiva nei segmenti urban, lifestyle e outdoor, la label - fondata nel 1976 da Silvano Cinelli e dal 2011 a oggi nell'orbita di Sport Fashion Service - dovrebbe chiudere il 2019 superando i 25 milioni di ricavi, con un ebitda margin intorno al 20%.

Lo scorso gennaio era rientrata a
Pitti Uomo dopo un'assenza di dieci anni, annunciando un piano di rilancio basato sulla brand awareness e sull'internazionalizzazione del business (nella foto, un modello della capsule Generation '80, che ripercorre attraverso 15 modelli uomo e donna il periodo degli Eighties ed è protagonista dell'iniziativa social #CiesseStreetProject: 180 persone comuni immortalate a Milano, Roma e Berlino, le cui foto sono state pubblicate nei mesi scorsi sull'account Instagram @ciesse_street_project, abbinato a un concorso tra gli utenti).

a.b.
stats