ritorni

Manuela Arcari riprende il controllo di Ter et Bantine e Hache

Attraverso una newco, Arcari e Co., Manuela Arcari (nella foto) e il marito David Agus riprendono le redini dei marchi Ter et Bantine e Hache. Il nuovo corso dalla collezione parte dall'autunno-inverno 2016/2017. Lo scorso 16 ottobre Arcari e Co. aveva rilevato dalla procedura concordataria la Gfm Industria, prendendola in affitto con l'obbligo di acquisto.

 

La nuova Arcari e Co. ripartirà da Granarolo Faentino, dove si trovava la sede storica di Gfm Industria: una realtà creata nel 1992 dagli stessi Arcari e Agus - rispettivamente designer e top manager -, che produceva e distribuiva Ter et Bantine e Hache e che era passata cinque anni fa nell'orbita del Fondo Opera Italia tramite una società ad hoc, Opera Project.

 

Nel maggio 2014 era arrivata la notizia dell'uscita di scena di Arcari e Agus, rimossi dai propri incarichi da Opera Project, che aveva affidato la presidenza a Stefano Ferro e il ruolo di ceo, con delega alla direzione commerciale, a Fabio Cavana.

 

Ora la svolta, con Arcari e Co. che subentra alla "vecchia" Gfm, sostituendo il management stabilito dal Fondo Opera e basandosi su un assetto di tipo "famigliare", basato su quattro soci: Manuela Arcari, David Agus e Gianfilippo e Federica Gherardi, entrambi figli della stilista.

 

Il focus sarà unicamente sui brand disegnati da Manuela Arcari, evitando di investire risorse in licenze e produzioni conto terzi, e la distribuzione selezionata, in mercati quali Europa, Usa, Corea del Sud e Giappone.

 

L'obiettivo è «preservare e rilanciare i brand Ter et Bantine e Hache come posizionamento, valore stilistico e qualitativo - si legge in una nota - dopo due stagioni di alternanza di designer (tra cui Kostas Murkudis, ndr), che non hanno incontrato il favore del mercato».

 

«Un ulteriore intento - continua il comunicato - è preservare il know how creativo, produttivo, industriale e commerciale che Manuela Arcari e suo marito hanno costruito in oltre 30 anni di lavoro comune».

 

La fashion designer manterrà comunque la consulenza per Collection Privee, affiancando Massimo Bizzi.

 

stats