Rumors

Per Sergio Rossi è testa a testa tra Piquadro e Bally

Dopo una lunga selezione, sembra che ormai la contesa per acquistare Sergio Rossi dall'attuale proprietà, il gruppo finanziario Investindustrial, si sia ridotta a due potenziali acquirenti: secondo indiscrezioni, in lizza ci sarebbero la svizzera Bally e l'italiana Piquadro.

Il futuro della storica azienda, produttrice di scarpe di lusso e basata a San Mauro Pascoli, potrebbe decidersi già prima dell’estate. Le trattative per la cessione stanno andando avanti e se l'interessamento di Bally International era già emerso nelle scorse settimane, la novità dell'ultima ora è che, secondo quanto risulta a Fashionmagazin.it, anche Marco Palmieri rientrerebbe nella lista dei potenziali acquirenti di Sergio Rossi.

L'imprenditore italiano è già stato protagonista di importanti acquisizioni negli anni e rilevare Sergio Rossi porterebbe al rafforzamento del suo polo degli accessori che già include, oltre a Piquadro, anche Lancel e The Bridge.

Nei mesi scorsi si era parlato di diversi interessamenti per il brand di alta gamma, sia da parte di gruppi industriali che di player finanziari. Diverse le ipotesi circolate, dai fondi Style Capital ed Ergon Capital Partners fino al gruppo americano Marquee Brands, già propietario di Bruno Magli.

Investindustrial aveva acquisito l’azienda romagnola sei anni fa dal gruppo Kering investendo 100 milioni di euro compreso un aumento di capitale (la valutazione si aggirava intorno ai 70-80 milioni).

Sergio Rossi ha archiviato il 2019 con un fatturato di 66,5 milioni di euro, un ebitda negativo di 1,6 milioni di euro e una perdita netta di 15,8 milioni di euro, comprese le perdite degli anni precedenti.

Anche il 2020 - causa pandemia - si è chiuso in perdita, mentre nel 2021 è atteso il pareggio.

an.bi.
stats