mentre si parla di un rosso di 30 milioni

Per Trussardi gira il nome di Quattro R

Imaxtree

Trussardi continua a tenere banco sui media: di questi giorni una serie di indiscrezioni non confermate dalla casa di moda a cominciare dal corteggiamento da parte del fondo Quattro R, che si starebbe facendo avanti per diventare socio dell'azienda attraverso un aumento di capitale.

Intanto Reuters pubblica alcuni dati ricavati dalla presa in visione di un bilancio non reso pubblico dal marchio, che evidenziano «una perdita netta di 30,6 milioni di euro penalizzata da importanti svalutazioni, dal rosso di 7,4 milioni registrato l'anno prima, su un valore di produzione in calo dell'8,6% a 24,2 milioni (-10,4% i ricavi delle vendite). L'ebitda è sceso del 38,6%, a 3,167 milioni di euro e la posizione finanziaria netta al 31 dicembre è negativa per 5,15 milioni».

L'agenzia di stampa sottolinea come sul risultato finale pesi «una svalutazione della controllata Trs Evolution, licenziataria per abbigliamento e pelletteria dei marchi Trussardi e Trussardi Jeans, per 31,3 milioni di euro».

Viene inoltre riportato un commento a margine della relazione, in cui il 2017 è definito «un anno di trasformazione ed evoluzione», volto al riposizionamento del brand Trussardi nell'area del contemporary luxury.

Rivisto il piano industriale 2017/2021, che dovrebbe prevedere un miglioramento nel 2018, con l'obiettivo di un ritorno all'utile nel 2019.

Parallelamente, si fa con sempre maggiore insistenza il nome di Quattro R - gruppo finanziario partecipato dalla Cassa Depositi e Prestiti, presieduto dall'ex a.d. di Pomellato, Andrea Morante - quale possibile pedina chiave per il riassetto della griffe del Levriero.

In base a quanto riportato dal blog The Insider de Il Sole 24 Ore, il fondo di turnaround, che ha come mission il rilancio e lo sviluppo di realtà italiane in temporanea difficoltà ma con solide prospettive industriali, starebbe trattando con la famiglia Trussardi, controllante del gruppo tramite la holding Finos.

Tutto per ora rimane nell'ambito delle ipotesi mentre si sa per certo, come pubblicato il 30 agosto su fashionmagazine.it, che il marchio, non più disegnato da Gaia Trussardi, salterà l'imminente turno di sfilate milanesi.

Una mossa che si inserirebbe nell'ottica di valorizzare maggiormente il core business degli accessori: non a caso, l'etichetta giovane e contemporary Trussardi Jeans sale tra pochi giorni, dal 16 al 19 settembre, alla ribalta del salone Micam con le novità della primavera-estate 2019 (nella foto, una borsa Trussardi per l'autunno-inverno 2018/2019).






a.b.
stats