Sale l'Europa, scende l'Asia

Guess torna in utile nel quarter

Nel terzo trimestre chiuso il 2 novembre, i ricavi di Guess sono saliti del 2% a 615,9 milioni di dollari (circa 560 milioni di euro).

L’Europa ha premiato il gruppo americano con un +9%, in più è cresciuto il wholesale in Nord America (+7%). Il canale retal sul mercato domestico ha invece accusato un calo (-5%) e l’Asia è arretrata (-8%).

Gli utili dall’attività operativa del gruppo di Los Angeles si sono attestati a 49,2 milioni di dollari, in aumento del 14% e il risultato netto è tornato positivo a 12,4 milioni di dollari, dai precedenti -13,4 milioni. L’utile per azione è passato da -0,17 a 0,18 dollari, in linea con le previsioni degli analisti.

Il ceo Carlos Alberini ha commentato: «Sono soddisfatto di avere realizzato utili operativi e un risultato netto oltre la parte alta dei nostri target. La forza del nostro business in Europa, nel wholesale americano e nel licensing, unita alla disciplina nella gestione delle spese, ci ha permesso di contrastare la debolezza del retail nelle Americhe e dell’Asia».

Per l’intero esercizio Guess prevede un incremento del fatturato tra il 2,75% e il 3% e fra il 5,7% e il 6% a cambi costanti. L’utile per azione annuale dovrebbe risultare fra 1,31 e 1,36 dollari.

Poco dopo le 16 italiane, le azioni Guess registrano un +4,9% a Wall Street e passano di mano poco sopra i 20 dollari per azione.

e.f.
stats