Sostenibilità

Burberry: capi distrutti per oltre 30 milioni

Nel 2017 Burberry ha distrutto prodotti finiti per un valore di 26,9 milioni di sterline (circa 30,5 milioni di euro). Una cifra in aumento dai 18,8 milioni del 2016 (+43%), che non ha lasciato indifferenti alcuni azionisti del gruppo britannico, antesignano del "see now buy now".

Come riporta l'agenzia Bloomberg, soprattutto i più sensibili agli sprechi e all'ambiente hanno chiesto allo scorso meeting annuale come mai non sia stata data loro la possibilità di acquistare queste eccedenze di magazzino.

Il chairman uscente John Peace ha dichiarato che distruggere gli stock «non è qualcosa che si fa con leggerezza» e il cfo Julie Brown ha affermato che si tratta di una decisione presa con «estrema serietà».

Brown ha anche spiegato che quest'anno sono stati distrutti molti cosmetici, dopo che il gruppo ha portato in casa il business in precedenza gestito da Coty.

Il ceo Marco Gobbetti ha specificato che le rimanenze in pelle sono andate alla fashion company Elvis & Kresse che le ricicla, trasformandole in nuovi prodotti (nella foto, lo storico trench Burberry).

e.f.
stats