Sotto le aspettative in Nord America

Nike torna in utile nel terzo trimestre

Grazie a un incremento a due cifre dei ricavi, Nike Inc. chiude il terzo trimestre con un utile di 1,1 miliardi di dollari, dalla precedente perdita di 921 milioni.

Nel quarter i ricavi totali sono saliti del 7% a 9,6 miliardi di dollari (+11% a valute costanti), in liea con le aspettative degli analisti. 9,1 miliardi sono stati registrati dal marchio Nike (+12% a cambi invariati), mentre Converse, con 463 milioni di fatturato, accusa un calo del 2% (senza effetto cambi).

L’incremento in Nord America (nella foto, il megastore "House of Innovation 000", inaugurato in novembre a New York, sulla Fifth avenue) è stato del 7%: una performance che ha deluso gli analisti, più positivi sul mercato domestico.

La crescita in Emea è stata del 6%. Dinamica la Greater China (+19%), più debole l’area Asia Pacifico e America Latina (+3%).       

Il gross margin del periodo è salito al 45,1% (in linea con le stime degli analisti) dal 43,8% per effetto - come si legge in una nota – di un più alto prezzo medio di vendita, del cambio favorevole e della crescita di Nike Direct, parzialmente contrastati da un maggiore costo delle materie prime.

L’ebit è invece salito da 1,16 a 1,29 miliardi di dollari.

Il bilancio a nove mesi è terminato con un aumento dei ricavi del 9% a 28,93 miliardi, mentre il gross margin è passato da 43,5% al 44,4%. L’ebit ha raggiunto i 3,56 miliardi (+14%) e l’utile netto ha raggiunto i 3,04 miliardi, dai precedenti 796 milioni (+282%).

e.f.
stats