sponsorizzazioni

Sharapova positiva all'anti-doping: Nike e Tag Heuer lasciano la tennista

Nike ha annunciato la sospensione dei suoi rapporti di sponsorizzazione con Maria Sharapova, dopo l'annuncio da parte dell'ex numero uno del tennis (nonchè la sportiva più pagata del mondo) di essere risultata positiva a un controllo antidoping durante gli Australian Open a gennaio. E anche un altro sponsor, Tag Heuer, ha annunciato il dietrofront.

 

«Siamo molto sorpresi e rattristati nell’apprendere della positività di Maria Sharapova», ha fatto sapere Nike in uno scarno comunicato, che prosegue: «Abbiamo deciso di sospendere la nostra collaborazione con Maria durante l’indagine».

 

Nel 2010 il colosso americano dello sportswear aveva rinnovato il contratto con la stella russa del tennis ex vincitrice di Wimbledon e del Roland Garros, firmando un accordo della durata di otto anni per un valore complessivo di 70 milioni di dollari.

 

Anche la compagnia svizzera di orologi Tag Heuer ha deciso non rinnovare il contratto di sponsorizzazione con l'ex numero uno del tennis mondiale. «Tag Heuer era sotto contratto con Maria Sharapova fino al 31 dicembre 2015. Eravamo attualmente in discussione per prolungare la nostra collaborazione. Tenuto conto delle circostanze, il marchio sospende questi negoziati e ha deciso di non rinnovare il contratto con la signora Sharapova», si legge in un comunicato.

 

La Sharapova rischia ora due anni di stop. L'atleta siberiana ha attribuito la sua positività a un farmaco, il meldonium, che si utilizza per la cura dei problemi legati al diabete, principalmente per la prevenzione di infarti, ed è classificato tra gli ormoni e i modulatori metabolici da gennaio.

 

Secondo la rivisita Forbes, che ha inserito la Sharapova al primo posto tra le sportive più pagate al mondo per l'undicesimo anno di fila, la tennista lo scorso anno ha incassato dalle sponsorizzazioni 30 milioni di dollari. Attualmente oltre a Nike e Tag Heuer, l'elenco degli sponsor della campionessa include American Express, Avon, Evian e Porsche.

 

stats