STIME POSITIVE SUL 2022

Drumohr: dopo un 2021 a +50%, l’autunno-inverno è a segno più

Buone notizie dalla campagna Autunno-inverno 2022/2023 di Drumohr, marchio fondato nel 1770 a Dumfries nelle Highlands scozzesi ma oggi totalmente made in Italy, essendo stato acquisito nel 2006 dal Gruppo Ciocca.  La collezione ha fatto registrare ordini in aumento del 41% sulla Fall-winter 21/22 e del 50% rispetto alla Fall-winter 20/21.

Nello specifico, il menswear ha messo a segno un +40% e il womenswear un +47% rispetto all’ultima stagione invernale, grazie anche a una forte voglia di ripresa dei consumatori in mercati sempre più centrali per Drumohr come Giappone, Germania, Scandinavia e Usa, anche se l’Italia resta il main market. Inoltre, l’offerta si è ampliata: intorno al core business della maglieria è stato costruito un total look, soprattutto al femminile.

Il 2021 si è chiuso con un incremento del fatturato del 50% sul 2021 e del 10% sul 2019, aprendo la strada a un 2022 all’insegna di una crescita stimata del 25%-30% e di nuovi opening, relocation e shop in shop nel nostro Paese.

A oggi il marchio, che ha visto tra i suoi clienti la Famiglia Reale inglese e Gianni Agnelli, conta boutique a Milano, Torino, Forte dei Marmi, Alassio e St. Moritz, dove nel dicembre scorso il monomarca è stato trasferito in uno spazio più grande in via Serlas 35. A queste vetrine si aggiungono corner nei department store, oltre 240 multimarca sul nostro territorio (cui se ne aggiungono 180 oltreconfine) e shop all’interno di selezionati hotel di lusso.

Uno dei focus degli investimenti del Gruppo Ciocca, fondato nel 1912 da Luigi Ciocca e oggi guidato da Michele e Filippo Ciocca, è la sostenibilità: nella sede di Quinzano (Verona) è stato allestito un impianto di più di 1.500 pannelli fotovoltaici, grazie al quale nelle ore diurne l’intero fabbisogno energetico degli stabilimenti è coperto da energia solare. L’obiettivo dell’azienda è diventare un sistema chiuso a zero emissioni.

A cura della redazione
stats