strategie

Corneliani: una nuova squadra per vincere la partita negli Usa

Corneliani rafforza il management team negli Stati Uniti per affrontare una nuova fase di sviluppo nell'area. Maurizio Mantovani (nella foto), ex Zegna, sale ai vertici della filiale americana e riporterà al ceo Paolo Roviera. Nelle fila di Corneliani Usa entra anche Sean Hieter, in qualità di vice presidente delle vendite.

 

A circa un anno di distanza dall'acquisizione della casa di moda mantovana da parte degli arabi di Investcorp, prendono corpo le nuove strategie di rilancio del marchio del menswear, guidato dall'a.d. Roviera, anche lui proveniente dalla "fucina" di Ermenegildo Zegna, dove è rimasto per 15 anni.

 

Con una presenza nell'area di lunga data (l'azienda è sbarcata negli Usa negli anni Ottanta) e con all'attivo 64 multibrand clienti, tra cui una quindicina di corner, ora Corneliani punta ad aumentare la propria leadership in questo mercato, cominciando a pensare anche in un'ottica retail.

 

Obiettivi che saranno portati avanti da una nuova squadra di executive, con Mantovani in qualità di amministratore delegato per le Americhe e Hieter come vice presidente delle vendite.

 

Mantovani è un veterano del settore, con una lunga militanza nel gruppo Zegna, dove ha ricoperto diverse cariche nella divisione nordamericana, fino a diventare vice presidente operations e outlets a New York.

 

Hieter, che ha maturato una decennale esperienza nel menswear, proviene invece da Robert Graham Designs, dove aveva il ruolo di vice presidente.

 

«Siamo felici di dare il benvenuto a Maurizio e Sean nel nostro team internazionale - commenta Paolo Roviera -. La loro profonda conoscenza dell’industria maschile della moda americana di alta gamma, le loro capacità e competenze manageriali sono fondamentali per supportare l’espansione di Corneliani in America, soprattutto negli Stati Uniti».

 

«In particolare - aggiunge - l’esperienza di Maurizio ci permetterà di comprendere appieno le esigenze di un mercato chiave per l’azienda e Sean, lavorando al fianco dei nostri clienti, ci aiuterà a raggiungere i più alti livelli di efficienza commerciale e di customer care».

 

Internazionalizzazione e customer experience sono infatti due key word per il futuro di Corneliani, forte di un heritage di quasi 60 anni e ora al centro di un importante percorso di rinnovamento, anche in chiave digitale, pur restando fedele al proprio dna.

 

Oggi concentrata sulla ristrutturazione del network wholesale, l'azienda (110 milioni di euro di fatturato nel 2016) si prepara a nuovi investimenti in vista del 2018, con un focus sul retail e l'apertura di nuovi monomarca, oltre all'avvio del primo e-shop del brand.

 

stats