strategie

Cwf: a Pitti debutta Billybandit

Spirito irriverente, prezzi interessanti: la ricetta che ha decretato il successo di Billieblush, linea per la ragazzina realizzata in-house dal gruppo francese Cwf, viene riproposta nella collezione Billybandit.

 

Il guardaroba del “fratello” della bimba Billieblush è fatto di capi essenziali, in tessuti naturali, con un tocco di ironia nelle grafiche. Freddy Mallet, presidente di Cwf- rappresentano per noi il tassello che mancava, soprattutto nei mercati finora non raggiunti dai marchi in licenza. Abbiamo accumulato un’expertise tale nel mondo del childrenswear, da essere la prima azienda a coprire il segmento alto del settore sul territorio europeo».

 

Come sottolinea Mallet, i mercati clou per Billybandit saranno Europa, Asia e Stati Uniti, all’interno sia dei multibrand che dei department store, oltre che nei negozi di proprietà del gruppo, sul web (dove Cwf realizza il 4% delle vendite, una percentuale destinata a salire al 10% in un biennio) e, presto, anche in boutique dedicate.

 

A proposito di distribuzione, è al lancio il nuovo concept Kids Around, con tutte le collezioni su licenza, mentre sono in fase di attuazione forme flessibili di soft corner, franchising e affiliazione.

 

Nel 2013 l’azienda transalpina, che presidia l’Italia attraverso il canale wholesale, ha registrato un fatturato di 160 milioni di euro, con un +10% previsto per il 2014. Il giro d’affari è realizzato per il 50% nell’Europa meridionale (di cui un 17% in Francia), per il 30% nella parte settentrionale del nostro continente e per il 20% in altre aree.

 

stats