strategie

Lanieri: primo semestre al raddoppio e nuovo Atelier a Monaco

Dopo l’apertura, nel marzo 2014, del primo Atelier a Milano, a cui hanno fatto seguito quelli di Roma, Torino e Bologna, il sartoriale 3.0 di Lanieri - che ha chiuso i primi sei mesi 2016 con vendite raddoppiate - approda in Germania con il primo spazio a Monaco di Baviera, in Turkenstrasse 96.

 

Con una scelta di oltre 100 tessuti rigorosamente made in Italy (tra cui Zegna, Loro Piana, Reda e Vitale Barberis Canonico), bottoni e fodere di tutte le fogge, nel nuovo Atelier i clienti potranno creare il proprio abito customizzato con l’aiuto di un esperto style advisor.

 

Una volta fatte le proprie scelte, riceveranno l'abito Lanieri dove lo desiderano e in quattro settimane, senza dover affrontare prove intermedie.

 

Oltre agli abiti il brand offre cravatte, sciarpe in puro cashmere e camicie, anche in questo caso realizzate con cotoni made in Italy, come quelli di Albini e Canclini. Novità di qualche mese, il fatto che il cliente può utilizzare il configuratore 3D per la creazione della propria camicia su misura.

 

I due fondatori Simone Maggi e Riccardo Schiavotto avevano già approcciato l'area tedesca a inizio anno: «Dapprima - spiegano - siamo entrati sul mercato online, poi abbiamo voluto rafforzare la nostra presenza con un Atelier su strada».

 

«Il 2016 per noi è un anno molto importante - aggiungono -. Le vendite nel primo semestre sono già raddoppiate rispetto al 2015 e Monaco è solo la prima tappa della nostra espansione europea. Abbiamo già in programma aperture a Parigi e Bruxelles».

 

stats