strategie

Liu Jo Luxury: una joint venture per crescere all'estero

Con quasi 100 milioni di fatturato e più di due milioni di pezzi venduti dal 2006, Liu Jo Luxury, il brand di gioielli e orologi nato 11 anni fa come licenza di Liu Jo e che faceva capo alla Nardelli Luxury di Bruno Nardelli, diventa  una joint venture. Obiettivo: spingere l'acceleratore sull'internazionalizzazione.

 

La nuova società, che vede Bruno Nardelli come a.d. e Marco Marchi (amministratore unico e head of style di Liu Jo) come presidente, ha l’obiettivo di consolidare il posizionamento del brand Liu Jo Luxury principalmente sui mercati esteri, implementando la visibilità internazionale.

 

«Acquisendo la licenza Liu Jo Luxury, massimizziamo le energie comuni fra le diverse collezioni e arricchiamo l’impronta lifestyle del brand, oggi sempre più completa e strutturata - commenta Marco Marchi -. Sono certo che questo nuovo progetto porterà maggiore efficienza e sinergia in ambito finanziario, distributivo e anche in termini di risorse umane. Con Liu Jo Luxury puntiamo all’internazionalizzazione e presto lanceremo nuove attività a supporto della rete vendita».

 

«Sono molto orgoglioso - dichiara Bruno Nardelli - della nascita di questa joint venture. Marco Marchi è un imprenditore che stimo molto e da cui ho imparato tanto. Per competere sui mercati internazionali avevamo bisogno di spalle forti e quest'operazione oggi ci mette nella condizione di raggiungere obiettivi fino a pochi mesi fa difficili da raggiungere».

 

stats