strategie

Philippe Model: inizia la rivoluzione by 21 Investimenti. Ai vertici Andrea Pesaresi

Dopo l'ingresso di 21 Investimenti, il fondo europeo di private equity di Alessandro Benetton che ne ha acquisito la maggioranza nel luglio scorso, il brand di luxury sneaker Philippe Model cambia marcia. Ai vertici chiama Andrea Pesaresi (ex Zegna) e svela il piano di sviluppo retail, con il primo negozio a Milano.

 

Pesaresi approda nell'azienda di Vigonovo (Ve), nel distretto calzaturiero della Riviera del Brenta, dopo circa 25 anni passati nel Gruppo Zegna, dove ha ricoperto molteplici cariche, culminate nella posizione di Global Brand and License Director.

 

Da Philippe Model, dove lavorerà fianco a fianco con il direttore creativo Paolo Gambato e il direttore generale Roberto Doro, lo aspetta un'importante sfida: quella di sviluppare il marchio su scala globale, con aperture di flagship store nelle piazze nevralgiche dello shopping internazionale.

 

L'avanzata nel canale monomarca rappresenta infatti il primo step di crescita del brand da 100 milioni di euro di fatturato nel 2015 (+20%), che attualmente ha all'attivo due showroom a Milano e Parigi ed è distribuito in circa mille multimarca, con una presenza in top shop italiani (come Tiziana Fausti, Sugar, Vinicio,Giglio e Papini, per citarne alcuni) ed esteri, con Francia, Germania, Spagna e Benelux come Paesi di sbocco prioritari.

 

La città scelta per il debutto nel retail è Milano, dove entro marzo è previsto il primo negozio a insegna Philippe Model al civico 10 di via Sant'Andrea: uno spazio di circa 100 metri quadri distribuiti su due livelli, che farà da apripista ai prossimi opening in agenda da qui al 2018.

 

«L'obiettivo - spiega a fashionmagazine.it Andrea Pesaresi - è di arrivare a inaugurare sette punti vendita in due anni, con vetrine a Parigi, Tokyo, Seoul, Londra, New York e altre in via di definizione».

 

«Oggi l'Italia - aggiunge - rappresenta il mercato di riferimento con il 50% dei ricavi totali - ma il piano di sviluppo prevede il potenziamento degli Stati Uniti, dove siamo sbarcati da due stagioni, e l'ingresso in Cina».

 

Un ruolo chiave nel processo di espansione di Philippe Model sarà giocato dal digitale, con il rafforzamento dell'e-commerce, lanciato nel febbraio scorso: «Il nostro - precisa Pesaresi - sarà un omnichannel approach, in sinergia con l'offline. Sono alla studio anche progetti di customizzazione e capsule in limited edition, per avvicinare il cliente a un prodotto ancora più esclusivo e personalizzabile. Sempre all'insegna del "fatto con cura in Italia"».

 

stats