strategie

Sergio Rossi si allea con Adrian Cheng per conquistare i Millennials cinesi

Sergio Rossi ha scelto il giovane magnate Adrian Cheng (nella foto) e il suo Luxba Group, con base a Hong Kong e Shanghai, per accelerare la crescita sul mercato cinese. Obiettivo: fidelizzare il target dei Millennials e della Generazione Z.

 

Dopo Moschino, Love Moschino, Red Valentino, Dsquared2 e Yves Salomon, anche il footwear di Sergio Rossi si affida al miliardario di Hong Kong, recentemente insignito del titolo di Officier de L'Ordre des Arts et des Lettres, per avere un accesso diretto al pubblico di consumatori cinesi e soprattutto a quelli che lo stesso Cheng chiama "Bat Generation", nata con i tre big cinesi della Rete Baidu, Alibaba e Tencent.

 

Ll'obiettivo di Sergio Rossi è di beneficiare del network online e fisico di Adrian Cheng, 38 anni, che oltre a essere fondatore dell'art-mall K11 (mega centro per lo shopping che mixa arte e commercio, il cui primo spazio è stato lanciato a Hong Kong nel 2009), attraverso i fondi K11 e C Ventures ha investito in piattaforme come Moda Operandi, Dazed Media e Not Just A Label, per citarne alcune.

 

Quanto a Luxba Group, fondata nel 2007, si tratta di una società di brand management e distribuzione a tutto tondo, specializzata nel settore fashion e lifestyle, con sede a Hong Kong e Shanghai. La nuova collaborazione permetterà a Sergio Rossi di far leva sull’esperienza del gruppo per localizzare la propria offerta e penetrare l’industria retail in città cinesi di primo e secondo livello.
 

«Sergio Rossi - ha dichiarato Cheng - rappresenta un certo ideale cui i millennial e Gen Z cinesi aspirano, come tradizione, artigianalità e raffinatezza nel design. Non ho dubbi che la nostra presenza online e offline, l’esperienza e la conoscenza del territorio, segneranno un nuovo capitolo per l’espansione globale del marchio».
 

 

Riccardo Sciutto, ceo di Sergio Rossi, ha spiegato che la partnership si inserisce nella strategia del brand di dialogare con un pubblico più giovane, stimolato anche con il lancio di prodotti ad hoc, come la collezione Sr1 e di una strategia di influencer marketing: «L’eleganza, la raffinatezza e la femminilità delle calzature Sergio Rossi - ha commentato - sono sempre state apprezzate dalle nostre clienti in Asia. Il nostro know-how, la maestria innovativa e l’artigianalità italiana ci contraddistinguono da oltre 50 anni e sono un asset che il mercato cinese ha riconosciuto fin dall’inizio».

 

«Mentre proseguiamo nel consolidamento del successo del brand - ha proseguito - abbiamo scelto un partner che ha le risorse, l’esperienza e la vision allineata per aiutarci nello sviluppo. Luxba Group, grazie al network di Adrian, è il partner ideale, e siamo molto orgogliosi ed emozionati di collaborare con loro».

 

Nell'ultimo anno Adrian Cheng è salito alla ribalta, oltre che per l'ingresso nel capitale di Moda Operandi, anche per investimenti in piattaforme come Finery e Undone: la prima è un sistema di gestione degli inventari personali che digitalizza il guardaroba dell'utente e, in a base a questo, propone consigli di stile, collegandosi alle piattaforme di e-commerce, mentre la seconda permette agli appassionati di orologi di costruire e personalizzare segnatempo dalla fattura classica.

 

Le due realtà si sono aggiunte a un ecosistema variegato di brand come, tra gli altri, il servizio di noleggio on-demand Armarium, il marchio di fitness Bandier, la piattaforma di social media Galore e il sito di intrattenimento legato ai giochi e ai fumetti SkyBound: un ventaglio d'offerta che mixa moda, design e tecnologia, sintonizzato su una generazione cresciuta a pane e Internet.

 

stats