Termine ultimo martedì 8 giugno

Tessitura Monti: al via le manifestazioni di interesse

Tessitura Monti, in amministrazione straordinaria dal febbraio 2020, ha pubblicato l’invito a potenziali investitori per presentare le manifestazioni di interesse per tutti o parte degli asset.

Il termine per la presentazione della documentazione necessaria è fissato per martedì 8 giugno, entro le ore 23.59.

Come emerge da una nota, il Commissario straordinario Fabio Pettinato ha l’obiettivo di assicurare un futuro all’azienda di Maserada sul Piave (Treviso) e di mantenere il valore dell’Azienda e il know-how sul territorio.

Sono in vendita gli stabilimenti e l’area industriale trevigiana, come pure i macchinari, le materie prime e i contratti di lavoro in essere.

Le manifestazioni d’interesse potranno riguardare, unitamente o disgiuntamente, anche le partecipazioni societarie che fanno capo a Tessitura Monti, tra cui le attività in India e Repubblica Ceca e nei settori della produzione di tessuti in cotone, della confezione di camicie e della produzione e vendita di accessori per macchine tessili.

Intanto Tessitura Monti sta continuando la produzione senza interruzione.

«In questo periodo - spiegano dall’azienda - ha messo in campo svariate iniziative, innovazioni organizzative e potenziamenti produttivi, anche tramite investimenti, voluti fortemente dal Commissario straordinario, al fine di mantenere in piena efficienza l’azienda, per non disperdere la forza del proprio marchio e il valore delle competenze e know-how di eccellenza, che garantiscono prodotti che rispecchiano i valori fondanti della moda Made in Italy, che la società ha fatto sue fin dagli inizi».

Fondata nel 1911 e da sempre controllata dalla famiglia Monti, la società è stata dichiarata insolvente nel dicembre 2019. A fine 2018 l’esposizione verso istituti bancari, fornitori, dipendenti e Fisco sfiorava gli 84,5 milioni di euro, mentre i ricavi erano pari a 56,9 milioni e l’attivo era di 106,3 milioni.

e.f.
stats