top executive

Patrizio Di Marco e Dolce&Gabbana: salta l'accordo

Pare definitivamente tramontata l'ipotesi di vedere Patrizio Di Marco ai vertici di Dolce&Gabbana. A far saltare il matrimonio professionale tra il manager e l'azienda, che tanto aveva fatto parlare a inizio anno, il mancato accordo sul ruolo nel gruppo dell'ex ceo di Bottega Veneta e Gucci.

 

Ad alimentare i rumors di un possibile approdo di Di Marco, che ha lasciato Gucci a gennaio 2015, alla corte di Stefano Gabbana e Domenico Dolce l'ingresso nel gruppo milanese dello storico braccio destro di Di Marco: Diana Zanetto.

 

Zanetto aveva guidato il merchandising della maison della doppia G durante tutta l'era Di Marco e dall'inizio dell'anno svolge lo stesso ruolo presso Dolce&Gabbana.

 

Anche se la trattativa con il top executive, nonché marito di Frida Giannini, non è mai stata confermata dai diretti interessati, varie fonti assicurano che a far considerare l'ingresso di un manager esterno della caratura di Di Marco ai due stilisti fosse il progetto di portare in Borsa il gruppo, da loro fondato nel 1985.

 

Un'ipotesi che pare, comunque, non essere stata accantonata.

stats