Tra le priorità potenziare l’agricoltura rigenerativa

Gucci entra nella Ellen MacArthur Foundation: cresce l’impegno nella realizzazione di collezioni circolari

Gucci entra a far parte, come partner strategico, di uno dei più grandi enti che operano nel settore dell'economia circolare, Ellen MacArthur Foundation «con l'obiettivo di accelerare ulteriormente la visione del brand in tema di economia circolare per il futuro».

«La necessità di un cambiamento profondo e sistemico nel nostro settore deve essere tradotta nei fatti e teniamo in seria considerazione il nostro ruolo nel promuovere questo cambiamento», ha spiegato Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci.

La collaborazione si articolerà da subito in diversi punti, primo fra tutti l'impegno del brand a sviluppare le sue collezioni secondo i principi di circolarità, considerando l'intero ciclo di vita dei suoi prodotti.

Non solo realizzando capi progettati per essere usati più a lungo e concepiti e prodotti nell'ottica del riutilizzo e con l'utilizzo di materie prime rinnovabili, riciclate e naturali.

Il compito della fondazione sarà quello di individuare anche altre aree in cui la circolarità può essere ulteriormente adottata, nel design e nella fase di creazione.

Verranno inoltre messi a disposizione di Gucci strumenti formativi e corsi per approfondire la conoscenza e il know-how operativo dei principi dell'economia circolare.

La Fondazione collaborerà con Gucci anche in relazione alle materie prime principali, promuovendo l'impegno di tutto il settore ad approvvigionarsi in modo rigenerativo.

L’annuncio della partnership coincide con la presentazione del secondo Gucci Equilibrium Impact Report 2021, che riassume gli impegni, i progressi e le azioni intraprese dal brand per generare un cambiamento positivo per le persone e per il pianeta.

Articolato sui due pilastri fondanti del progetto Equilibrium, Persone e Pianeta, il Report include inoltre i risultati del conto economico ambientale, Environmental Profit and Loss per il 2021, che rivelano una riduzione dell’impronta ambientale totale del -49% e delle emissioni di gas serra del -46% dal 2015.

Tra i principali risultati raggiunti, l'utilizzo del 100% di energia verde in 44 dei 49 Paesi in cui Gucci è presente con negozi, sedi e fabbriche, pari al 93% di energia rinnovabile in tutto il mondo, e l’avvio di progetti e collaborazioni per promuovere pratiche di agricoltura rigenerativa.

Nel corso del 2021 Gucci ha inoltre presentato Demetra, un innovativo materiale realizzato con materie prime animal-free che combina qualità, morbidezza, durabilità e scalabilità con un ethos sostenibile già incorporato nelle collezioni, tra cui la linea circolare Gucci Off The Grid, che ora comprende più di 70 prodotti, dalle scarpe agli accessori e alle valigie.

In più sono state recuperate 290 tonnellate di scarti di pelle, 215 tonnellate di scarti tessili, 67 tonnellate di accessori metallici e donati 9.000 metri di tessuto a Ong in Italia attraverso il programma Gucci-Up.

an.bi.
stats