trimestrali

Safilo in ripartenza: ricavi a quasi 251 milioni, in aumento del 6,9%

Safilo chiude il primo trimestre 2018 con vendite nette pari a 250,9 milioni di euro, in aumento del 6,9% a cambi correnti e del 15,4% a cambi costanti rispetto all'analogo periodo di un anno fa. L'arretramento di oltre il 16% in Nord America viene compensato dalle performance più che positive su tutti gli altri mercati.

 

I ricavi in Europa sono infatti ammontati a 123,5 milioni di euro (+25,5% a cambi correnti e +26,8% a cambi costanti), mentre in Asia Pacifico si parla di 14,3 milioni (+29,3% a cambi correnti e +44,3% a cambi costanti) e per quanto riguarda il resto del mondo l'incremento è stato addirittura di oltre il 72% a cambi correnti e del 95,2% a cambi costanti, per un totale di 18,2 milioni di euro.

 

Spina nel fianco il Nord America, territorio nel quale viene realizzato un fatturato consistente, intorno ai 94,8 milioni di euro, ma in forte riduzione (-17,2% a cambi correnti a causa del deprezzamento del dollaro, anche se a cambi costanti ci si ferma a un -4,7%) se confrontato con i 114,5 milioni del primo quarter 2017.

 

Il portafoglio marchi ha segnato un progresso del 16,9% a cambi costanti - escluso il business Gucci, ora nell'orbita di Kering Eyewear -, arricchendosi delle licenze Moschino, Love Moschino e Rag & Bone.

 

L'utile industriale lordo si è aggirato sui 127,5 milioni di euro, +9,1%, con un ebitda adjusted pari a un utile di 13,1 milioni di euro (5,2% delle vendite nette), escludendo 1,7 milioni di euro di oneri non ricorrenti. Nell'analogo esercizio 2017 si era verificata una perdita di 6,2 milioni di euro (-2,7% delle vendite nette).

 

L'indebitamento finanziario è arrivato a 166 milioni, dai 131,6 di fine dicembre dello scorso anno.

 

«Safilo - si legge in una nota - ha archiviato il primo trimestre con un significativo recupero e con un ritorno alle normali condizioni di business».

 

Il comunicato sottolinea come nel 2017 Europa e nazioni emergenti abbiano sofferto a causa dell'avvio del nuovo sistema informativo per la gestione del centro distributivo di Padova, mentre il giro d'affari sul mercato nordamericano, al netto dell'impatto derivante dall'indebolimento del dollaro, è rimasto sottotono «in particolare a causa del contesto di business ancora difficile nei department store».

 

In tarda mattinata Safilo è in deciso rialzo a Piazza Affari: intorno alle 11,30 segna un +7,3%, a 4,7 euro, «volumi oltre tre volte quelli mediamente registrati in un'intera seduta», come precisa Reuters.

 

Qualche mese fa, in occasione della pubblicazione dei dati sul fiscal year (archiviato con vendite di 1,05 miliardi di euro, in contrazione di oltre il 16%), il presidente esecutivo Eugenio Razelli ha definito il 2018 come un nuovo inizio, anche grazie alla nomina di Angelo Trocchia ad amministratore delegato, divenuta effettiva lo scorso primo aprile (nella foto, una fase del lavoro all'interno degli stabilimenti di Safilo).

 

stats