l'azienda curerà produzione e distribuzione

Le calzature di Simonetta alla marchigiana Rg Rossi&Galie

Dal prossimo autunno-inverno le calzature di Simonetta saranno affidate in licenza al Calzaturificio Rg Rossi&Galie, che ne curerà produzione e distribuzione. L'azienda marchigiana collabora già con Simonetta in qualità di partner produttivo per i marchi bambino Emilio Pucci e Balmain.

La nuova collezione di calzature di Simonetta debutta a Pitti Bimbo e rappresenta uno step importante nella strategia di siluppo del business wholesale per il Calzaturificio R&G Rossi&Galie, che è già presente con il brand di proprietà Jarrett a livello internazionale, dove nel 2018 ha realizzato una quota del 75% sul giro di affari. A oggi l'azienda produce le scarpe da bambino per noti marchi del lusso.

Per Simonetta il deal con Rg Rossi&Galie è un ulteriore step nel piano di riorganizzazione, in seguito al passaggio nelle fila di Isa Seta, avvenuto nel 2017. «Una realtà che si colloca nella parte luxury del kidswear, con l’omonimo marchio e il resto del portafoglio, e che vive una fase di rinnovamento - racconta a Fashion il direttore generale Attilio Mucelli -. La totale managerializzazione delle funzioni aziendali e il rinnovamento dei processi interni vedono coinvolte tutte le aree. In particolare il maggiore impegno organizzativo è rivolto all’evoluzione della fase creativa delle collezioni, dello sviluppo del prodotto e dei processi produttivi, associato alla razionalizzazione della supply chain e al rafforzamento del reparto commerciale».

Simonetta, che di recente ha acquisito la licenza della linea Balmain Kids, sarà sotto i riflettori il 18 gennaio, a Palazzo Pucci, per la presentazione della linea Emilio Pucci Junior, di cui cura produzione e distribuzione, come per le collezioni Lanvin Enfant, Aston Martin, Vespa Kidswear. Gestisce anche la produzione di Fendi Kids.

Strategico in questo momento è il digitale: «Ci siamo strutturati con figure professionali dedicate e il portale proprietario dell’e-commerce sarà ulteriormente sviluppato per proporre l’intera collezione di Simonetta», spiega Mucelli.

L’azienda chiuderà l’anno con un giro di affari di poco inferiore ai 21 milioni di euro, di cui l’export rappresenta oltre il 75%. In pole position Regno Unito, Emirati Arabi, Giappone e la Russia. L’e-commerce rappresenta una percentuale a doppia cifra sul turnover, alimentato sia in modo endogeno che esogeno.

L'intervista compelta a Mucelli è sul numero di Fashion in distribuzione a Pitti Bimbo.

c.me.
stats