uno studio Cushman & Wakefield sull'italia

Investimenti immobiliari ancora in crescita e il digital traina la logistica

Secondo Cushman & Wakefield, il 2017 è stato il quinto anno consecutivo con un incremento dei volumi di investimenti immobiliari in Italia, a quota circa 11,3 miliardi di euro (+18%) e superando i valori record registrati nel periodo precedente la crisi finanziaria (10,8 miliardi nel 2007). Continuano ad aumentare i canoni nelle High Street, a Milano ma non solo, mentre frena il Retail. Quasi triplicate le transazioni nella logistica, visto il boom dell'e-commerce.

 

La ricerca prevede che l'andamento positivo si mantenga anche nel 2018, «con un primo trimestre particolarmente attivo per la chiusura delle transazioni non completate entro la fine dello scorso anno».

 

In particolare, per quanto riguarda uno degli ambiti più legati alla moda, il segmento High Street, negli ultimi anni caratterizzato da una continua crescita dei canoni di locazione, copre circa il 50% del volume totale degli investimenti nel retail.

 

Le principali transazioni high street sono state completate a Milano, che si conferma come la location più richiesta dai principali brand italiani e internazionali: secondo quanto riportato nell’ultima edizione di “Main Street Across The World”, via Montenapoleone (nella foto) si colloca in quarta posizione nella classifica delle vie commerciali più costose a livello globale e in seconda posizione in Europa, dopo New Bond street a Londra.

 

Nella top list entrano però altre quattro città italiane, che insieme a Milano conquistano un posto nelle prime otto posizioni nella classifica europea: salgono le quotazioni di Roma, Venezia e Firenze, dove i canoni di locazione sono principalmente sostenuti dalla domanda legata ai flussi turistici.

 

La spina nel fianco è però il Retail, che pur continuando a costituire una voce importante (circa il 20%), mostra segnali di rallentamento a doppia cifra (-11%), soprattutto sul fronte dei centri commerciali.

 

La categoria Uffici si conferma come il comparto di riferimento per gli investimenti (circa 40% sul totale), registrando volumi in ulteriore aumento rispetto all'anno precedente (+17%): in pole position Milano (circa 55% del totale), ma anche Roma, che comincia a recuperare terreno (circa 25%) e a rappresentare un'alternativa al mercato della capitale finanziaria del Paese.

 

La migliore performance in termini di crescita annua degli investimenti è stata però registrata dal settore della Logistica, che ha quasi triplicato il volume delle transazioni, con circa 1,5 miliardi di euro (il 13% del totale): un mercato trainato dallo sviluppo dell’e-commerce, oggetto di crescente interesse da parte di operatori e investitori.

 

stats