Al fuorisalone i rendez-vous di moda e design

 

 

Chiuso il Salone del Mobile 2017- con oltre 300mila visitatori da 165 paesi - l'edizione, che ha segnato i vent'anni del SaloneSatellite, ha convogliato a Milano addetti ai lavori ma anche tanti ospiti a caccia di novità, tra eventi e allestimenti suggestivi.

 

Le griffe della moda e del design, presenti sotto il format milanomodadesign, hanno contribuito con diverse e ormai rodate collezioni “home”  - quali Armani, Versace, Fendi, Borbonese, Etro, Missoni, Roberto Cavalli, Trussardi e Diesel – e con decine di affollati eventi al FuoriSalone.

Aperta la kermesse con l’opening dello shop Armani/Casa in corso Venezia, le code di visitatori si sono susseguite a Palazzo Bocconi per vedere l’installazione 'Objets Nomades' di Louis Vuitton (nella foto); gremiti i cocktail di Tod’s, Moreschi, Rodo, Brunello Cucinelli, Antonio Marras e Roberto Cavalli Home, che ha lanciato la nuova collezione con la sedia Wing.

 

Eventi anche da Valextra, Ermenegildo Zegna (con 'Pelle Tessuta' nel negozio di Montenapoleone), Brioni (appuntamento privato nella boutique di via Gesù), Fendi Casa (per il primo flagship store) e Diesel Living, che ha allestito uno stiloso appartamento in una glamour location in via Cesare Correnti.

Agnona X Giorgetti ha presentato una produzione di tessuti realizzati per il bed dressing, Salvatore Ferragamo ha allestito nella vetrina dello store in via Montenapoleone l’installazione creata da Vincent Van Duysen, direttore artistico di Molteni&C, e Missoni ha festeggiato la nuova collaborazione con Jannelli & Volpi.

 

Molto apprezzata l’exhibition nendo: invisible outlines, ospitata all’interno della showroom di Jil Sander, ideata da Oki Sato, founder and chief designer designer dello studio d’architettura giapponese nendo, che ha realizzato anche una capsule di abbigliamento in collaborazione con la griffe.

 

stats