a lui la direzione creativa del brand cinese

Jonathan Saunders si rimette in pista con Lily

Dopo quasi due anni sabbatici, Jonathan Saunders torna a far parlare di sé: indiscrezioni riportate da wwd.com lo danno come nuovo direttore creativo di Lily, marchio cinese di moda donna che si rivolge a un segmento "affordable" - con prezzi sui 200 dollari per un abito e sui 150 per una giacca - ed è distribuito in oltre 900 store nel suo Paese. Oltreconfine, per il momento, il network distributivo si limita a una settantina di punti vendita.

Avevamo lasciato lo stilista scozzese alle prese con la separazione da Diane von Furstenberg, nel dicembre 2017, griffe della quale era stato chief creative director per un anno e mezzo.

Poi il silenzio e ora le voci sempre più insistenti in circolazione, dopo che Saunders è stato visto insieme ai proprietari di Orient International, la parent company di Lily, nel corso della quarta edizione del China Day alla New York Fashion Week.

Pare che l'intesa tra Jonathan e il colosso tessile cinese da oltre 16 miliardi di dollari di ricavi nel 2018 e 86mila dipendenti inizierà con l'autunno-inverno 2020/2021.

a.b.
stats