DEBUTTO A PITTI UOMO DI GENNAIO

Prosegue il piano di rilancio di Borsalino: Jacopo Politi è head of style

Debutterà con la FW 2023 la prima collezione Borsalino firmata dal nuovo head of style, Jacopo Politi. Un passo avanti nel piano di rilancio dello storico brand di cappelli e accessori, dove Politi è già all’opera da alcuni mesi - ma l’ufficializzazione è arrivata solo oggi -, dividendosi tra gli headquarters milanesi e la manifattura di Alessandria.

Nato a Milano nel 1978, laureato all’Istituto Marangoni e vincitore dell’International Meryl Award Mittelmoda, il designer arriva da una lunga esperienza come direttore dell’ufficio stile di Maison Michel. Nel corso degli anni si è specializzato nella creazione di copricapo, a fianco dei direttori artistici di maison come Chanel, Louis Vuitton, Fendi, Saint Laurent, Lanvin, Balmain e Balenciaga.

Per Borsalino non è una nuova conoscenza: aveva infatti già collaborato con il brand dal 2009 al 2012 e ora è al lavoro a una collezione che comprende, oltre ai cappelli e ai berretti in feltro, paglia e tessuto, anche soft-accessories e piccola pelletteria.

«Jacopo - dice il managing director di Borsalino, Mauro Baglietto - conosce bene il nostro mondo e porta con sé competenza ed esperienza. Affidiamo a lui, visionario di talento, il compito di continuare a far evolvere la rilevanza contemporanea del nostro marchio, valorizzandone il patrimonio storico».

Giacomo Santucci, brand curator e membro del comitato direttivo di Borsalino, aggiunge: «Ispirandomi alla vita del fondatore Giuseppe Borsalino, negli ultimi tre anni ho ridefinito il posizionamento di Borsalino, instaurando un dialogo con le generazioni dei Millennials e dei Post Millennials».

«Questo punto di partenza, radicato nel riconoscimento della nostra identità - sottolinea Santucci - ci consente di progredire nelle nostre ambizioni. Sono certo che Jacopo Politi ci aiuterà a continuare questo iter e a sviluppare ulteriormente un grande potenziale».

Politi si dice «onorato di tornare a far parte della famiglia Borsalino». «Contribuire all’evoluzione del patrimonio stilistico di un’impresa con oltre 160 anni di storia è una sfida ambiziosa e stimolante - precisa -. La cultura artigiana di Borsalino è una preziosa fonte di ispirazione: non vedo l’ora di sviluppare la mia visione per condividere questa meravigliosa storia italiana con una community sempre più ampia».

a.b.
stats