Noto in Italia per le sue mire su Milan e Roma

Il miliardario Daniel Kretinsky acquista il 5% di Macy's e cerca un ruolo nella gestione

Il miliardario Daniel Kretinsky, 45 anni, considerato uno degli uomini più ricchi della Repubblica Ceca, ha acquistato il 5% di Macy's, diventando uno dei primi cinque azionisti del retailer. 

Un investimento strategico e non finanziario per il miliardario, che sembra intenzionato a esercitare tutta la sua influenza nel rilancio di Macy's.

Secondo i documenti depositati alla Sec (la Consob italiana), Kretinsky, attraverso la sua società di investimento Vesa, ha rilevato le azioni "a fini di investimento strategico" e intende "avviare discussioni costruttive" con la direzione del department store, oltre che con il consiglio di amministrazione e altri azionisti.

Non sembrano esserci dubbi sul fatto che il magnate di Praga voglia dire la sua sulle attività di Macy's (compresi i piani strategici e il taglio dei costi), in un momento molto particolare per il retailer. 

Ma chi è Daniel Kretinsky? Possiede un patrimonio personale di 3,4 miliardi di dollari e un gruppo – Eph – che è il sesto produttore di elettricità europeo con 2 miliardi di euro di margini l'anno e 25 mila dipendenti. In Italia è diventato famoso per il suo interesse nel calcio (è già titolare dello Sparta Praga) e un paio di anni fa ha fatto delle offerte - andate a vuoto - per acquistare l'AC Milan e l'AS Roma. In Francia è invece noto per i suoi investimenti nei media, avendo comprato il 49% di Le Monde e alcuni giornali del gruppo Lagardère come Elle France

Ora i suoi investimenti lo portano negli Stati Uniti dove, con l'acquisto del 5% del più grande (seppur in crisi) department store a stelle e strisce, si candida a rafforzare il suo ruolo di tycoon del retail, visto che già controlla Metro, Mediaworld, Saturn, Fnac e Darty

All'inizio di quest'anno, Macy's ha avviato una massiccia ristrutturazione e strategia triennale denominata Polaris, che prevede la chiusura di 125 negozi, il taglio di 2.000 lavoratori nel personale aziendale e di supporto e la chiusura degli uffici aziendali di Cincinnati.

Da allora il piano è stato modificato a causa della pandemia e ora è probabile che Macy's chiuda definitivamente molti più dei 125 negozi precedentemente previsti. La ristrutturazione di Macy's punta a grandi risparmi: 600 milioni di dollari quest'anno e 1,5 miliardi entro la fine del 2022.

Dopo avere chiuso tutti i suoi negozi a metà marzo a causa del coronavirus, nelle ultime settimane Macy's ha aperto circa 120 punti vendita, anche se in maniera parziale.

an.bi.
stats