A Barcellona

Candiani vince l'Itma Sustainable Innovation Award

Momento di grandi soddisfazioni per Candiani, il denim maker che ha fatto della sostenibilità la sua bandiera. Premiata di recente al Forum Preise di TextilWirtschaft e appena approdata a Milano con un suo negozio, l'azienda si è aggiudicata ieri 20 giugno, a Barcellona, l'Itma Sustainable Innovation Award.

Organizzato in collaborazione con Itma 2019, rassegna di spicco dedicata alla tecnologia nel tessile e nell'abbigliamento, l'award è stato assegnato alla tessitura lombarda per il suo prodotto innovativo Candiani Re-Gen, un tessuto "denim circolare" realizzato con materie prime molto ricercate e soprattutto rigenerate e riciclate, realizzato in occasione dell'80esimo anniversario dell'azienda.

 

Il 50% per cento del tessuto Re-Gen è costituito infatti da Tencel x Refibra Lyocell, composto da cellulosa di scarti di cotone e polpa di legno con l'efficiente processo a ciclo chiuso di Lenzing. L'altro 50% è composto da fibre Candiani riciclate post-industriali.

 

Anche i tessuti Candiani sono tinti con tecnologie sostenibili, con una sostanziale riduzione dell'uso dell’acqua e di prodotti chimici, nella produzione dei tessuti e nel processo di lavaggio dei jeans.

 

«Siamo sostenitori della sostenibilità, in cui crediamo fortemente. Per creare il tessuto Re-Gen abbiamo fatto leva sulle fibre Tencel Lyocell di Lenzing con la tecnologia Refibra e l'abbiamo combinato con la nostra esperienza interna per creare un prodotto innovativo, alla moda e rispettoso dell'ambiente allo stesso tempo», ha dichiarato Alberto Candiani, presidente dell'azienda (nella foto), che ha saputo proiettarsi nel futuro e investire in innovazione, creatività e sostenibilità.

 

Nominata per il premio dall'espositore di Itma 2019 Lenzing, Candiani Denim ha ricevuto il trofeo dal presidente di Cematex, Fritz P. Mayer, nel corso di una cerimonia di presentazione il giorno di apertura di Itma 2019.

 

«Cematex ha lanciato il Premio Itma per l'innovazione sostenibile nel 2015, in quanto vorremmo incoraggiare una maggiore collaborazione e sinergie tra le industrie, oltre a stimolare gli sforzi di ricerca e sviluppo - ha spiegato Mayer -. In definitiva, abbiamo bisogno di innovazione per guidare il nostro business e contribuire a un'economia più circolare».

c.me.
stats