A sostegno della comunità Lgbtq+

Donatella Versace con Pride Live per lo Stonewall Day

La moda si fa sempre più ambassador del movimento Lgbtq+, con Donatella Versace in prima linea: la stilista è uno dei volti scelti per celebrare il 50esimo anniversario di Pride Live, l’organizzazione no profit che sostiene l’uguaglianza dei diritti, e la seconda edizione dello Stonewall Day, la giornata nazionale americana di sensibilizzazione sulle tematiche queer che ogni anno si svolge il 28 giugno, in occasione dei moti di Stonewall del 1969.

«Quello che è successo qui 50 anni fa è stato qualcosa di straordinario, che ha catalizzato l'attenzione del mondo sui temi della diversità e dell'uguaglianza, sui diritti civili fondamentali e sull'accettazione dell’altro»: commenta Donatella Versace, nominata ambassador dello Stonewall Day.

Pride Live è nata proprio nel 1969, con lo scopo di appoggiare e sostenere la comunità Lgbtq+: in occasione dell'anniversario ha coinvolto oltre 50 celebrità che hanno collaborato, durante l’anno trascorso, alla lotta per l’uguaglianza e quella contro ogni forma di discriminazione.

Donatella, oltre a ricoprire la carica di ambassador, ha realizzato un’edizione limitata di T-shirt (disponibile presso la boutique di New York e online): parte del ricavato andrà allo Stonewall Day e a Pride Live. 

All’evento saranno presenti anche Hillary ClintonConchita Wurst, attivista Lgbtq+ riconosciuta a livello mondiale.

 

 

c.bo.
stats