AL POSTO DI GABRIELE MAGGIO

Moschino arruola Stefano Secchi (ex Etro) come nuovo direttore generale

La poltrona di direttore generale da Moschino verrà subito occupata. A qualche giorno di distanza dalla notizia dell’uscita di Gabriele Maggio, che aveva ricoperto l’incarico per oltre tre anni, il marchio nell’orbita di Aeffe annuncia il sostituto.

Si tratta di Stefano Secchi, 42 anni, in forze come direttore commerciale da Etro da circa tre anni e con alle spalle una significativa esperienza nel mondo del lusso, iniziata nel 2005.

In precedenza il manager ha infatti lavorato per un triennio da Versace, diventando global wholesale director nel 2015.

Secchi ha iniziato la sua carriera nel Gruppo Giorgio Armani, dove nell’arco di otto anni ha assunto cariche con responsabilità crescenti, in ultimo group strategic marketing manager nel 2011.

«Siamo soddisfatti dell’ingresso di Stefano Secchi in Moschino e riconosciamo in lui le competenze per guidarne un’ulteriore fase di crescita e di valorizzazione, in continuità con la forte identità distintiva del brand, cogliendo nuove opportunità di sviluppo commerciale e affrontando con successo le sfide che un mercato sempre più globale impone», ha dichiarato Massimo Ferretti, presidente esecutivo di Aeffe e presidente del cda di Moschino.

Secchi si è detto «entusiasta dell’opportunità e desideroso di poter contribuire a un’ulteriore espansione internazionale di Moschino, insieme al talentuoso team della maison e alla collaborazione dei nostri key partner».

Gabriele Maggio, in uscita dalla società, prima di approdare da Moschino ha trascorso sei anni in Gucci e oltre sei anni in Bottega Veneta, dove ha maturato specifiche competenze sia sul fronte commerciale che marketing, ricoprendo incarichi dirigenziali a livello internazionale.

Tre anni fa ha preso posto nella griffe disegnata da Jeremy Scott come direttore generale, succedendo a Corrado Masini.

Oltre a Moschino, nel portafoglio del Gruppo Aeffe, quotato al Segmento Star di Borsa Italiana, spiccano i marchi Alberta Ferretti, Philosophy di Lorenzo Serafini, Pollini, Jeremy Scott e Cédric Charlier.

a.t.
stats