anche donatella versace esorta a votare

Pierpaolo Piccioli su Instagram: «Non lasciamo che il 25 settembre vincano odio e paura»

Non capita spesso che uno stilista prenda posizione sulla politica, ma Pierpaolo Piccioli lo ha fatto con un lungo post su Instagram, accompagnato da una foto con una didascalia eloquente - «Un uomo di sinistra» -, che si rifà a un’intervista rilasciata a GQ a fine agosto, in cui il direttore creativo di Valentino non faceva mistero sulle sue posizioni.

In vista delle imminenti elezioni Piccioli manifesta tutto il suo disagio. «Sono preoccupato e anche incazzato – scrive – perché sono costretto ad argomentare quello che mi sembrava ovvio. Tra pochi giorni rischiamo di fracassare lo spazio fragile e umano in cui stiamo provando a vivere».

«Io e Simona – prosegue – abbiamo cresciuto i nostri figli senza dogmi, abbiamo messo a loro disposizione tutti i valori in cui crediamo, l’empatia, il confronto costruttivo con chi ha opinioni diverse, la libertà anche di scontrarsi se necessario e difendere questa libertà a ogni costo».

Piccioli si sofferma sugli insegnamenti dati ai figli Benedetta, Pietro e Stella: per esempio il rispetto della libera scelta delle donne, «senza che vengano mortificate, umiliate e ostacolate», e l’accoglienza verso chi arriva nel nostro Paese, «indipendentemente dal luogo di provenienza, dall’etnia o dall’orientamento sessuale».

«A loro volta – aggiunge – loro ci hanno insegnato che non esiste il genere femminile e quello maschile ma tanti altri, esattamente come in natura, esattamente come da sempre. Il loro privilegio è quello di non avere paura».

«Pensare che ci sono persone, esseri umani che in questo momento possano temere, avere paura, delle conseguenze di queste elezioni mi dà alla testa», sottolinea, con la convinzione che «la politica, quella vera, dovrebbe essere in grado di tutelare il dibattito sociale».

Esortando i ragazzi e le ragazze dai 18 anni in su a non disertare le urne il 25 settembre, Piccioli ribadisce: «Io voglio che i miei figli siano liberi, voglio che possano essere, sperare, sognare, senza nemmeno per un attimo accettare di avere paura, mai. La violenza è regressione, la necessità di categorizzare l’anima è regressione, l’omofobia è regressione».

E conclude: «L’odio è paura e la paura è mancanza d’amore e l’amore per sé e per l’altro deve essere tutelato da diritti solidi, granitici. Non dobbiamo arretrare di un millimetro sui diritti acquisiti, ma soprattutto i tempi sono maturi per acquisirne di nuovi e fondamentali».

Questo post ha scatenato un’ondata di solidarietà per Piccioli sul suo account. Tra i numerosi commenti quello di Alessandro Zan («Grazie Pierpaolo») e poi valanghe di cuori e applausi da parte, tra gli altri, di Elodie, Silvia Venturini Fendi, Giancarlo Giammetti, la cantante Elisa, Livia Firth e tanti follower non famosi.

Anche Donatella Versace dice la sua sulle elezioni, pur senza schierarsi così apertamente. Sempre su Instagram posta l'immagine di un cuore tricolore, accompagnata da un appello agli elettori: «Andate a votare, queste elezioni sono importantissime per il nostro Paese! Il 25 settembre votate per proteggere i diritti acquisiti, pensando al progresso e con un occhio al futuro. Mai guardarsi indietro». «Votate!», ribadisce con forza Donatella, concludendo il messaggio con l'emoji della bandiera italiana e scatenando a sua volta una valanga di like e commenti, molti dei quali dagli stessi personaggi (a partire da Alessandro Zan) che si sono espressi a favore di Piccioli.

 

a.b.
stats