cerimonia ieri a parigi

Francesca Bellettini (Yves Saint Laurent) ha ricevuto la Legion d'Onore

 François Pinault e il figlio François-Henri, patron del Gruppo Kering, Anthony Vaccarello direttore creativo di Yves Saint Laurent, la musa di Monsieur Yves Betty Catroux e Madison Cox, presidente della Fondazione Pierre Bergé-Yves Saint Laurent, senza contare Jean-Paul Agon - ceo de L'Oréal, che detiene la licenza beauty di Ysl -, il numero uno di Gucci, Marco Bizzarri, il ceo di Balenciaga Cédric Charbit e quello di Alexander McQueen, Emmanuel Gintzburger: personaggi che si sono riuniti ieri sera per un'occasione speciale, il conferimento della Legione d'Onore a Francesca Bellettini, ceo di Yves Saint Laurent, griffe di cui tiene le redini dal 2013 e che sotto la sua gestione ha triplicato il fatturato, salito a oltre 1,5 miliardi di euro.

A consegnare l'onorificenza alla top executive il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, che come riporta wwd.com le ha detto: «Lei è diventata il simbolo delle parigine, perché è una donna eccezionale e di carattere, con una grande sensibilità e un notevole know-how».

Hidalgo ha colto l'occasione per annunciare che la capitale francese dedicherà a Yves Saint Laurent una via vicino ad avenue de Breteuil.

Nel suo discorso Bellettini ha ringraziato François-Henri Pinault per la fiducia accordatale, ma anche il proprio team e in particolare Anthony Vaccarello.

«Amo questo mondo - ha affermato - grazie al quale ho scoperto la Francia, una nazione in cui confluiscono cultura, tradizione e innovazione e dove la moda è equiparata a una forma d'arte. Questo Paese permette a noi che lavoriamo in questo settore di pensare al di là della pura competizione, facendo sistema e gettando le basi per ottenere risultati vincenti a livello globale».

Al termine della cerimonia, il nuovo quartier generale di Yves Saint Laurent in rue de Bellechasse ha ospitato un gala dinner.

a.b.
stats