CONFERMATI I RUMOUR

Cambio alla direzione creativa di Burberry: se ne va Riccardo Tisci, arriva Daniel Lee

Dopo settimane di illazioni, arriva la conferma: Riccardo Tisci lascia la direzione creativa di Burberry all'inglese Daniel Lee, ex Bottega Veneta.

La sfilata londinese di lunedì per la Spring-Summer 2023 è stata l’ultima da Burberry per il designer italiano, al timone stilistico della maison britannica da quasi cinque anni, chiamato dall’a.d. dell’epoca, Marco Gobbetti (ora da Ferragamo).

Tisci lascerà l’ufficio stile alla fine del mese per far spazio a Lee, che comincerà ufficialmente il suo mandato il prossimo 3 ottobre, operando fianco a fianco di Jonathan Akeroyd (ex Versace), diventato ceo del marchio all’inizio di quest’anno.

«Riccardo ha svolto un ruolo fondamentale nel riposizionamento di Burberry - ha detto Akeroyd -. Ha migliorato il nostro linguaggio creativo, reso più moderna e alta la nostra offerta prodotti e portato una nuova generazione di clienti di lusso. A nome di tutti in Burberry, vorrei ringraziarlo per la sua leadership creativa e augurargli il meglio per il futuro».

Nel suo nuovo ruolo Lee, classe 1986, supervisionerà tutte le collezioni e debutterà in passerella alla London Fashion Week nel febbraio 2023.

Il ceo lo ha definito «un talento eccezionale, con una comprensione unica del consumatore di lusso di oggi e con alle spalle un record di successi commerciali».

Nato e cresciuto a Bradford, in Inghilterra, Lee è un designer pluripremiato e uno dei più interessanti talenti creativi britannici della sua generazione.

Dal 2018 al 2021 è stato direttore creativo di Bottega Veneta (Kering), dove ha contribuito a rinvigorire il marchio: una posizione che ha lasciato bruscamente alla fine dell’anno scorso, poco dopo la sfilata della primavera 2022 a Detroit.

In precedenza ha lavorato da Celine, di cui è entrato a far parte nel 2012, e presso Maison Margiela, Balenciaga e Donna Karan.

Quanto alla prossima destinazione di Tisci, ancora nessuna indiscrezione. Nel lasciare la maison britannica lo stilista ha dichiarato che «Burberry è un posto molto speciale, con un passato magico e un futuro promettente. Il capitolo che mi è stato chiesto di scrivere nella sua lunga storia è uno di cui sono incredibilmente orgoglioso, e ho deciso che avrebbe avuto il culmine con il mio show di lunedì».

«Ho avuto la fortuna di poter continuare un patrimonio di innovazione e ho costantemente sostenuto la creatività e la diversità, al fine di far sempre progredire Burberry - ha concluso -. Voglio ringraziare i miei team, passati e presenti, e l'esercito di collaboratori e amici che mi hanno aiutato a scrivere un capitolo che spero rimanga nel futuro di Burberry negli anni a venire».

a.t.
stats