dopo aver lasciato azzaro

Maxime Simoëns non perde tempo: la nuova sfida si chiama Paule Ka

Dopo l'annuncio della rottura del sodalizio tra lo stilista Maxime Simoëns e Azzaro, arriva oggi (12 marzo) la notizia riguardo la prossima destinazione del designer francese.

Il nuovo proprietario di Paule Ka, Xavier Marie (fondatore di Maisons du Monde, ceduta nel 2008) l'ha infatti arruolato per affidargli il compito di proseguire il rilancio della griffe d'Oltralpe, acquisita da Change Capital Partners nel 2017 e fino a quel momento guidata dal ceo Catherine Vautrin e del creative director Alithia Spurri-Zampetti.

Non si tratta di un compito facile, visto che due anni fa il brand era a rischio bancarotta. Inizialmente l'imprenditore, per aggiustare il tiro, richiamò con un contratto di un anno il fondatore di Paule Ka, Serge Cajfinger, che aveva lanciato il brand nel 1987.

Ora il testimone passa a Maxime Simoëns, nelle ultime quattro stagioni responsabile delle collezioni couture, delle linee di ready-to-wear e degli accessori uomo e donna di Azzaro.

Lo stilista francese, che nel suo curriculum vanta collaborazioni con Elie Saab, Jean Paul Gaultier, Christian Dior e Balenciaga - era stato salutato come un prodigio all'International Festival of Fashion and Photography di Hyères, nel 2008, all'età di 25 anni, tanto che nel 2012 Bernard Arnault aveva investito sul business in ascesa del giovane creativo.

Dal 2011, anno in cui è entrato nel calendario ufficiale della fashion week parigina, la presenza di Maxime Simoëns è stata incostante. Dopo aver presentato la collezione nei calendari della couture e del ready to wear, è scomparso dagli appuntamenti del womenswear, con l'ultima passerella nel settembre del 2014. È tornato in scena nel 2016 per presentare il menswear, battezzato M.X., che però non ha avuto seguito.

La sua prima collezione per Paule Ka sarà svelata il prossimo settembre, in occasione della fashion week parigina.

a.t.
stats