Dopo che Wp si è aggiudicata il 10% del brand

Filson: Paolo Corinaldesi è il nuovo ceo dell’etichetta Usa

È Paolo Corinaldesi il nuovo amministratore delegato di Filson, il sesto nella storia ultracentenaria del brand di abbigliamento outdoor che ha sede a Seattle. Il manager fa il suo ingresso nell’azienda statunitense come parte del suo ruolo all’interno di Wp Lavori in Corso, dove si è occupato di strategie globali e dove è stato ceo di Woolrich, prima del passaggio della label al fondo L-Gam.  

Come rivela wwd.com, nel 2020 l’azienda bolognese specializzata nella ricerca, distribuzione e licenza di brand autentici in arrivo da tutto il mondo, ha effettuato nel 2020 un investimento multimilionario nella label, di cui ha rilevato il 10%, divenendo partner di Bedrock Manufacturing Company, la società madre di Filson. 

Il marchio è stato scelto per il suo appeal globale e per la resilienza mostrata nel 2020, anno in cui l’e-commerce è cresciuto a doppia cifra, ha rivelato Paolo Corinaldesi, che conta sulle doti di leadership di Tom KartsotisAlex Carleton, rispettivamente fondatore di Bedrock e chief creative officer di Filson.

Tra gli investimenti per l’immediato futuro, e-commerce e punti vendita sono in pole position, con l’aquisizione di nuovi clienti tra le priorità, ma c’è anche l’espansione internazionale nella pipeline, con un focus sull’Europa, grazie all’expertise di una realtà come Wp. 

Per quanto riguarda l’espansione retail, il manager è attento agli sviluppi della pandemia, pur ribadendo l’importanza degli spazi fisici. Tra le opzioni ci sono il Nord America, l’Europa e l’Asia. 

Filson ha iniziato il suo percorso con la produzione di abbigliamento e coperte per equipaggiare i cercatori d’oro in Alaska, fornendo abbigliamento resistente e duraturo. Un heritage che la label tiene a mantenere, anche se nel tempo ha aperto i suoi orizzonti ai contenuti fashion e alle colab (si vede la concept car e la capsule realizzate di recente con Ford).

Come ha spiegato Corinaldesi, che punta a un ritorno dell’investimento nel giro di pochi anni, le vendite del marchio sono aumentate del 15% rispetto a un anno fa, e alcune categorie, come i capispalla, hanno registrato performance in progress del 16%. Merito del fatto che le persone hanno trascorso più tempo all’aria aperta in questo anno della pandemia.

c.me.
stats