DOPO LA DONAZIONE DI 1,25 MILIONI DI EURO

Lettera di Armani agli operatori sanitari: «Il vostro lavoro è commovente»

Un grazie a chi combatte in prima linea contro il coronavirus, a chi lavora in corsia, a chi rischia la vita per salvare quella degli altri. Giorgio Armani l’ha voluto dire con forza, attraverso le pagine dei maggiori quotidiani nazionali e locali, dove a pagamento sabato ha pubblicato una breve lettera per esprimere tutta la sua solidarietà e la sua ammirazione per il personale sanitario.

«È commovente vedervi impegnati nel vostro lavoro con le difficoltà e i grandi sforzi che oramai tutto il mondo conosce. E soprattutto vedervi piangere», scrive lo stilista, che aggiunge: «Credo che questo sentimento si colleghi al mio desiderio di intraprendere la carriera di medico quando ero giovane e cercavo una mia strada».

«Tutta la Giorgio Armani – conclude - è sensibile a questa realtà ed è vicina a tutti voi: dal barelliere all’infermiera, dai medici di base agli specialisti del settore. Vi sono personalmente vicino».

Le righe di sentito ringraziamento per gli operatori sanitari arrivano dopo che, lo scorso 9 marzo, Armani ha annunciato di aver donato 1 milione e 250mila euro agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano e Spallanzani di Roma, oltre che a supporto della Protezione Civile.

Quando il Covid-19 sfondò i muri nazionali lo scorso 21 febbraio, durante la fashion week, lo stilista fu il primo a decidere di prendere delle misure precauzionali, optando per la sfilata in streaming a porte chiuse.

a.t.
stats