Parent company di Equipment

The Collected Group: al ceo James Miller anche la guida creativa

È già ceo di The Collected Group, la realtà losangelina da 300 milioni di dollari cui fanno capo le etichette Joie, Equipment e Current/Elliott. E ora diventa anche il creative officer del gruppo. James Miller accetta la duplice sfida, assecondando una passione che nutre da sempre. E oggi, 6 febbraio, tiene a battesimo la nuova linea gender fluid di Equipment. 

 

Di fatto, ha dichiarato l'executive a wwd.com, la nomina ufficializza un ruolo che lui riveste già da un anno. Un ritorno a un'ambizione del passato per Miller, che da giovane voleva studiare fashion design, ma poi ha deviato verso il business. Scelta che lo ha portato a ricoprire ruoli manageriali per realtà come Ted Baker e Ralph Lauren.

 

Nella duplice funzione, Miller si occuperà di delineare una strategia di crescita mirata per ogni marchio, nel rispetto del dna di ciascuno.

 

Per quanto riguarda Equipment, tra le sfide c'è la nuova collezione gender fluid che viene presentata oggi a New York, e che è il frutto della collaborazione con The Phluid Project,

organizzazione che promuove e difende lo spirito gender-free tramite la moda.

 

Un debutto che è anche una rivalutazione dell'heritage del marchio, noto fin dagli inizi, negli anni Settanta dello scorso secolo, per l'estetica androgina, ben rappresentata dalle sue camicie. La label, inoltre, è in procinto di lanciare il footwear e lo sleepwear.

 

Le nuove proposte saranno in vendita a livello mondiale da febbraio sul sito Equipmentfr.com, nei punti vendita del marchio e in una selezione di store a livello mondiale.

 

A proposito di Joie, etichetta ben radicata nel mercato statunitense, l'obiettivo è la crescita a livello globale, puntando a mercati come l'Italia, la Germania e il Regno Unito.

 

Con Current/Elliott la scommessa, infine, è dare enfasi al dna della label californiana, legata alla sfera del denimwear di ricerca.

c.me.
stats