lettera aperta sull'emergenza coronavirus

Dolce&Gabbana: «Milano ripartirà più forte di prima»

«Non diffondere paura ma studiare risposte e soluzioni». Domenico Dolce Stefano Gabbana riflettono sugli effetti che l’emergenza sanitaria ha avuto e sta avendo in tutta Italia, con un pensiero particolare rivolto a Milano. Ma, esortano, solo con la ricerca e l’impegno concreto è possibile esorcizzare le paure.

In una lettera inviata al Corriere della Sera i due stilisti parlano della normalità, un concetto messo a dura prova dalle emergenze di questi giorni, «che ci ha posti di fronte a stati d’animo mai sperimentati».

Dolce e Gabbana parlano della paura di essere contagiati, ma anche di poter contagiare: «Ecco, forse questo aspetto ci deve far riflettere e cioè il pensiero e la preoccupazione per gli altri, un sentimento di generosità, un atto di civiltà, di responsabilità verso il prossimo che forse in un momento come questo non arriva a caso».

Una fase in cui è importante affrontare le cose con buon senso: «L’impegno, il coraggio di tutte le persone che in questi giorni hanno lavorato senza sosta ci commuovono e ci fanno capire quali siano le priorità, come sia importante dare il giusto peso a ogni cosa e quanto sia fondamentale pensare al futuro con ottimismo e responsabilità, senza farsi prendere dal panico».

«Pensiamo che la ricerca sia, oggi più che mai, un valore sul quale investire e per questo motivo nel nostro piccolo, abbiamo deciso di sostenerla attraverso la nostra collaborazione con Humanitas University San Raffaele. Dare fiducia e sostegno a tutti coloro che ogni giorno lavorano per la nostra salute e il nostro futuro è per noi un dovere morale», sottolineano.

A Milano i due creativi rivolgono un pensiero particolare: la città si è trovata al centro di un’emergenza dalle dimensioni inaspettate. Ma, precisano, «sta reagendo con energia, intelligenza e ottimismo, per ricominciare certamente più forte di prima».

Nella foto, Domenico Dolce e Stefano Gabbana salutano il pubblico dopo la sfilata della Fall-Winter 2020-2021. Il défilé è andato in scena domenica 23 febbraio, ultimo giorno della Milano Fashion Week, quando Giorgio Armani e Laura Biagiotti hanno deciso di sfilare a porte chiuse.

c.me.
stats