«Era un gentiluomo riservato»

Halston: la serie di Netflix non piace alla famiglia

In streaming da oggi, la miniserie televisiva di Netflix basata sulla vita di Halston è stata definita «gonfiata» e «sensazionale» dalla famiglia dello stilista americano, celebre negli anni Settanta.

La trama di Halston è ispirata al libro Simply Halston di Steven Gaines. Il protagonista, nel ruolo del designer, è l’attore Ewan McGregor, mentre la produzione esecutiva è in capo al pluripremiato Ryan Murphy, lo stesso ha realizzato The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story.

Come riporta il Guardian, Lesley Frowick, nipote del designer nonché fondatrice e direttrice degli archivi personali non è stata consultata in alcun modo. «Non ero a conoscenza del progetto - ha dichiarato - finché non è stato quasi completato ed è partita l'attività promozionale».

Halston, il cui nome per esteso era Roy Halston Frowickha cominciato a farsi notare nel 1961, grazie a un cappellino ideato per Jackie Kennedy, in occasione del l’Inauguration Day del marito. Ha lasciato il segno negli anni Settanta - quelli dello Studio 54 di New York, punto di riferimento di artisti, cantanti e attori - specie per i suoi abiti attillati e minimalisti. Dalla sua morte nel 1990, all'età di 57 anni per complicazioni dovute all'Aids, la sua famiglia si è occupata della sua eredità.

«Era un uomo gentile e generoso, ed era un uomo di famiglia. Era una brava persona», ha detto di lui Frowick, definendolo un visionario nel settore della moda.

«Queste persone che non lo conoscevano bene, forse perché erano bambini quando Halston era all’apice del successo, spesso amano concentrarsi sulle parti più sensazionali della storia», ha aggiunto.

Si tratta di dettagli che «tendono a essere eccessivamente gonfiati, anziché porre la giusta enfasi sul suo incredibile dono di artista, la profondità del suo contributo alla moda americana, la sua etica del lavoro e il suo successo come uno dei primi veri influencer americani della moda».

«Nostro zio Halston era un gentiluomo molto riservato e dignitoso, e spero che venga ricordato e rispettato come tale».

Frowick si è espressa anche sulla scelta di Ewan McGregor nel ruolo dello zio. «Anche se apprezzo il suo talento come attore, è praticamente impossibile riprodurre la grazia, la bellezza e la raffinatezza autentiche che Halston incarnava così facilmente».

Un ritratto molto più accurato di Halston a suo parere si trova in un documentario del 2019 frutto di molte consultazioni con il regista Frederic Tcheng a cui sono stati prestati molti pezzi storici.

e.f.
stats