Guiderà Europa e Medio Oriente

Stefano Sutter lascia Prada e passa da Tory Burch

Pierre-Yves Roussel è ceo di Tory Burch da un mese e già scattano le prime nomine: dal 4 febbraio Stefano Sutter entra a far parte della squadra di top executive del marchio americano con il ruolo (creato per la prima volta) di presidente per l'Europa e il Medio Oriente. Sarà basato a Londra.

«Sono entusiasta di entrare in Tory Burch e di avere l'opportunità di aiutare la società a consolidare il suo successo in queste aree», ha dichiarato Sutter commentando la nomina che lo ha portato a lasciare il gruppo Prada dopo sette anni.

All'interno del gruppo guidato da Patrizio Bertelli, il manager ha ricoperto il ruolo di direttore regionale del business del Nord Europa del gruppo Prada, supervisionando Prada e Miu Miu. Precedentemente Sutter aveva lavorato per Inditex, ricoprendo incarichi di prestigio in Europa e nel Nord America.

«Stefano è un business leader di grande talento, con una mentalità imprenditoriale e un track record di grande successo nella costruzione di marchi a livello regionale», ha dichiarato la stilista, precisando: «Sono entusiasta di averlo nel team e non vedo l'ora di lavorare a stretto contatto con lui per continuare a far sviluppare la nostra attività in Europa e nel Medio Oriente».

Tory Burch ha fatto il suo ingresso in Europa nel 2010, aprendo il primo flagship a Londra in 2010, a cui sono seguiti opening a Parigi, Milano, Roma, Monaco e Istanbul. In Middle East sono già oltre 20 i punti vendita del brand attivi.

an.bi.
stats