il fondatore confermato presidente esecutivo e direttore creativo

Brunello Cucinelli: Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli sono i nuovi ceo

Brunello Cucinelli dà fiducia a quelli che definisce «due giovani quarantenni, uomini di grande valore professionale e innamorati dei grandi concetti universali di verità, bellezza e umanità»: lascia dunque l'incarico di amministratore delegato della sua azienda, per nominare Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli nuovi ceo, con deleghe rispettivamente per l'area Mercati e per Prodotto e Operations.

Ma Cucinelli non si mette in disparte, mantenendo la presidenza esecutiva e il ruolo di direttore creativo, con deleghe in fatto di stile, creatività e comunicazione. Resta inoltre presidente e a.d. della società controllante Fedone, detentrice del 51% del capitale sociale.

Il passaggio di consegne è avvenuto nel corso dell'assemblea degli azionisti, durante la quale è stato approvato il bilancio 2019: un anno archiviato con un utile d'esercizio pari a 57,2 milioni di euro, da destinare a nuovo mediante imputazione alla riserva di utili. I ricavi netti sono stati pari a 607,8 milioni di euro (+9,9%) e l'utile netto normalizzato si è attestato a 49,3 milioni (+7,1%).

«E' con grande emozione e speranza - ha detto l'imprenditore umbro - che guardo al futuro dell'umanità e della nostra industria. Immagino che Luca Lisandroni e Riccardo Stefanelli possano condurre l'impresa per lungo tempo, come esempio di custodia per le future generazioni».

Entrambi i neo-nominati provengono dalle fila aziendali: Lisandroni è infatti in forze alla Brunello Cucinelli da quattro anni, dopo esperienze in Luxottica e L'Oréal, mentre Stefanelli fa parte della "famiglia" da 14 anni.

a.b.
stats